04-08-2022 ore 10:28 | Cronaca - Cremona
di Claudia Cerioli

Siccità, si aggrava la situazione sul territorio. Limitate le erogazioni alle utenze per irrigare

I consorzi che regolano l’attività di irrigazione nella provincia di Cremona lanciano l’allarme dopo l’aggravarsi dello stato di crisi idrica, nonostante le poche precipitazioni verificatesi la scorsa settimana. L’inizio di agosto dunque non è dei migliori con il il lago di Como a -39.5 cm, l’Iseo a -22.7 cm. Questo ha portato a una diminuzione delle erogazioni del 35 per cento per il primo e del 20 per cento per il secondo. Entrambi i dati potrebbero subire ulteriori riduzioni nei giorni a venire, stante l’assenza di precipitazioni e la significativa riduzione dei rilasci dagli invasi idroelettrici alpini.

 

Cala anche il Po

Queste riduzioni segnano, di fatto, l’impossibilità di garantire costanza ed uniformità nella somministrazione irrigua sul comprensorio servito dalla rete a gravità. In altri termini saranno necessarie ulteriori limitazioni della consegna alle utenze ed è prevedibile che alcuni punti della rete non potranno più essere serviti. Il fiume Po cala lentamente, è a quota 25.10 metri sul oivello del mare, attualmente è garantito il funzionamento dell’impianto di Foce Morbasco.

2015