01-10-2022 ore 20:40 | Cronaca - Crema
di Denise Nosotti

Cr Forma, simulata una maxi emergenza a scuola nell'ambito del corso di protezione civile

Via Pombioli chiusa al traffico, i marciapiedi e le aree pedonali delimitate da nastri bianchi e rossi, mezzi militari, della protezione civile e della croce rossa. L’allarme antincendio all’interno del Cr Forma. Che succede? Un aereo si è appena schiantato sulla scuola. Regnano attimi di caos. I soccorsi arrivano tempestivamente, ma non è sufficiente. Occorrono volontari. Qui entrano in scena i ragazzi del centro di formazione cittadino. Non si tratta della scena di un film d’azione, ma di un’esercitazione di maxi emergenza. Sessanta studenti stanno infatti partecipando al corso per diventare volontari di protezione civile. Per rendere il percorso ancora più interessante, si è pensato di creare una situazione di estremo pericolo in cui i ragazzi sarebbero stati protagonisti insieme agli operatori professionisti.

 

Organizzato nei minimi dettagli

Un centinaio di studenti quindi, oggi (sabato 1 ottobre) sono stati coinvolti, insieme ai docenti, nel progetto. Coordinatore Gian Luca Pani risk and disaster manager Assodima coadiuvato da: Andras Gennari referente maxi emergenza di Areu Cremona, dal personale di protezione civile di Travacò con Ernesto Negri, e dalla croce rossa di Crema, con la presidente Paola Bonciani e Lodi. Presenti anche Paolo Cattaneo dell'associazione nazionale volontari di guerra e Daniel Taino che ha fatto le riprese aeree e di terra con il drone. All’esterno dell’edificio scolastico è stata installata una tenda dove prestare il primo soccorso ai feriti. Gli studenti, muniti di apposite apparecchiature, avevano il compito, oltre a quello di aiutare i civili coinvolti nel disastro aereo, anche di cercare il pilota, il quale, riuscitosi a liberare dall’abitacolo, era ora disperso. L’esercitazione è durata tutta la mattina, dalle 8 alle 12.

 

Soddisfatta la direttrice Capetti

Positivo il commento della direttrice del CrForma Chiara Capetti: “questo è il punto d’arrivo al culmine di tre settimane di preparazione in classe. I ragazzi al di là dell’entusiasmo stanno veramente mettendo in campo tutto quello che hanno imparato in questo mese grazie anche staff di docenti che ha collaborato attivamente. Un ringraziamento enorme a tutti i volontari, quaranta persone tra protezione civile militari e croce rossa italiana che questa mattina stanno rendendo possibile un evento che a scuola non si vedeva da tantissimo tempo. I ragazzi si stanno rendendo conto dell’importanza di mettere in pratica quello che hanno acquisito in aula con il supporto di figure formate e quanto questo sia fondamentale proprio per il loro percorso di crescita”. Alcuni alunni delle classi terza di elettrica e meccanica hanno giudicato l’esperienza “interessante”.

 

Posto medico avanzato

Particolarmente impegnato anche Gennari di Areu: “siamo nel pieno dell’esercitazione. Abbiamo installato un posto medico avanzato in tempi praticamente record e abbiamo soccorso i pazienti in maniera perfetta. Le squadre sono molto coordinate. Credo sia un ottimo risultato per noi e per gli studenti che stanno frequentando il corso infatti. Un grazie particolare ai volontari della croce rossa di Crema e Lodi lodi che ha fornito il posto medico avanzato e i mezzi per trasportare i ‘feriti’ in ospedale”.

6170