12-05-2013 ore 12:30 | Politica - Crema
di Andrea Galvani

Crema. Agazzi: "la città è impoverita, continua a perdere servizi, ma i ragazzi della Giunta comunale ed il sindaco paiono rassegnati"

Secondo il capogruppo di Servire il cittadino, Antonio Agazzi, "Crema è impoverita" e "la sua amministrazione comunale, il suo sindaco paiono rassegnati. Sono adeguati i ragazzi della Giunta di Crema a svolgere un compito così importante, in una fase così cruciale?" chiede Agazzi.

I mali di Crema
L'esponente di minoranza in consiglio comunale snocciola i mali dell'attualità cremasca: "il rischio incombente della perdita di autonomia dell'Azienda Ospedaliera di Crema, quello da tempo in atto di accorpamento a Cremona di Tribunale e Procura della Repubblica di Crema, il venir meno del presidio fisico della Stazione FS cittadina, in condizione di evidente abbandono, come la tratta Cremona-Crema-Treviglio-Milano. Sono tutte questioni che io affronto non da ora: lo dimostrano interrogazioni e mozioni che ho protocollato e portato a trattazione in Consiglio Comunale, nei mesi scorsi".

Rassegnazione
"Tuttavia - approfondisce l'ex presidente del consiglio comunale - Crema, la sua amministrazione comunale, il suo sindaco paiono rassegnati. Non si attiva un tavolo politico che coinvolga i parlamentari, i consiglieri regionali e che si ponga l'obiettivo di attivare strategie e relazioni utili a fermare il declino".

La fase cruciale
Agazzi arriva al punto: "sono adeguati i ragazzi della Giunta di Crema a svolgere un compito così importante, in una fase così cruciale? Parlamentari e consiglieri regionali, inoltre, sono stati eletti per che cosa se non per rappresentare e tutelare il territorio? Perché il sindaco di Crema non li tallona?".