14-03-2013 ore 11:56 | Cultura - Musica
di Andrea Galvani

Crema, Area International POPular Group in concerto al San Domenico. Lo spirito d’avventura è sempre vivo

Il complesso del teatro San Domenico sembra risplendere per la presenza di Patrizio Fariselli, Paolo Tofani e Ares Tavolazzi, tre dei componenti storici degli Area International Group, uno dei gruppi che ha saputo segnare ed indirizzare tutta la musica italiana dagli anni '70 in poi; per chi ama i dettagli, tra le caratteristiche fondamentali del loro suono elementi di rock progressive e free-jazz, musica elettronica ed etnica. Con loro nella nuova avventura un altro eccelso musicista, il batterista Walter Paoli.

L'incontro con gli studenti
In città da alcuni giorni hanno deliziato tutti quanti si trovano a passare nei pressi del San Domenico e hanno potuto 'rubare' qualche minuto delle prove. Gli studenti dell'istituto musicale Folcioni sono stati tra più fortunati, perché hanno avuto la possibilità di incontrare gli Area nella sala Cavalli. Gli onori di casa sono spettati al responsabile dell'istituto, Alessandro Lupo Pasini, che dopo una breve presentazione ha lasciato i miti alle domande dei ragazzi, che per gli Area "sono il nostro futuro".

Tra Sessanta e Settanta
Molti gli aneddoti, a partire dalla scoperta delle prime sconvolgenti possibilità offerte dall'elettronica. E' Tofani a ricordare il ritorno in Italia dall'Inghilterra, per prender parte al percorso degli Area, insieme a due borse magiche, che contenevano dei sintetizzatori e offrivano l'accesso a sonorità sino a quel momento sconosciute. Non sono mancati accenni nostalgici alla fine degli anni Sessanta ed ai primi Settanta, all'atmosfera che pervadeva ogni cosa, un'epoca in cui "fare musica e quindi il musicista erano tra le cose più naturali del mondo". Agli studenti cremaschi hanno tentato di spiegare come tener vivo lo spirito d’avventura che li guidava allora e che lontano dallo stereotipo militaresco dell'avanguardia, spronava tutti alla ricerca.



Linguaggio antico e naturale
L'emozione è proseguita in serata, con il concerto al teatro San Domenico; questa la formazione, con un allestimento moderno e incisivo: Patrizio Fariselli alle tastiere, Paolo Tofani alla chitarra elettrica, alla trikanta (nella foto) e chitarra elettronica, Ares Tavolazzi al basso e Walter Paoli alla batteria. Per gli amanti del gruppo è stato come riannodare i fili della propria esistenza, riascoltare pezzi che sembrano parlare un linguaggio profondo, naturale; non si tratta di semplice musica d'intrattenimento, ma di di un'emozione che rimane sopita, in attesa di un richiamo che la possa far tornare alla luce.

La ricerca attuale
Recentemente, lo scorso novembre, gli Area hanno inciso 'LIVE 2012', con registrazioni dal vivo del 2010 e 2011 ed alcuni inediti in studio. La resa ordierna non può che essere differente dall'epoca archeologica degli anni '70, anche perché segnata dalla perdita di Giulio Capiozzo e Demetrio Stratos, ma come ha ricordato Fariselli, "anche dei sassofonisti Edy Busnello e Larry Nocella". La prima parte è dedicata alla ricerca attuale, con Tofani impegnato a riproporre il suono arcaico delle corde sfregate con le infinite possibilità della tecnologia.

Deliziose sperimentazioni
Creato l'incanto, entrano in scena gli altri membri del gruppo, per dar vita ad un delizioso gioco di triangolazioni sonore. Vengono sperimentate tutte le possibilità offerte dalle relazioni musicali, che passano dai solo al duo, senza disdegnare il trio, alchimia costruita sul talento nell'improvvisazione. L'ultima parte è invece dedicata ai vecchi brani, durante i quali gli Area tornano ad esprimere la potenza antica. Chiudendo gli occhi tornano ad offrire la propria insuperabile magia i suoni del Mediterraneo, il sapere antico delle montagne dell’Epiro, la forza dei Balcani. Musica intramontabile, un balsamo per anni in cui regna un insopprimibile appiattimento, solo in parte mitigato dal coraggio di tentare strade nuove. Grazie per la splendida musica, complimenti alla Fondazione San Domenico per la proposta.

La scaletta
Ecco la scaletta del concerto al teatro San Domenico di Crema: Trikanta Suite, Arbeit macht frei, Sedimentazioni, Cometa rossa, Nervi Scoperti, Esfratios, Gerontocrazia, L'elefante bianco, La mela di Odessa, Luglio Agosto Settembre (Nero), Gioia e Rivoluzione (Encore).
67
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi