30-01-2018 ore 12:31 | Sport - Basket
di Federico Feola

Pallacanestro Crema, impresa contro Lecco. Del Sorbo e compagni vincono per 86-85

Quando ormai tutto lasciava intendere alla seconda sconfitta casalinga consecutiva sul parquet del PalaCremonesi, la Pallacanestro Crema ha piazzato un incredibile parziale di 10/0 negli ultimi 90" di gara, impattando a quota 68 con una tripla di Del Sorbo, replicata allo scadere del primo supplementare da Ferraro. I rosanero di casa hanno poi colto i due punti al termine del secondo supplementare, in un incontro al cardiopalma contro la Gimar Lecco. Il rientro di Peroni ha dato qualche minuto di ossigeno alla batteria degli esterni e controbilanciato l'utilizzo part-time di Amanti, in precarie condizioni fisiche.

Il match
L'equilibrio delle prime fasi dura circa sette minuti, poi l'attacco di Crema si inceppa fino all'inizio della seconda frazione. Il risultato è un parziale di 10/0 in favore degli ospiti che si staccano, aumentando il divario a proprio favore a fil di sirena con una tripla di Riva e chiudendo il primo tempo avanti per 41/25. Crema cerca di rientrare nella ripresa ed arriva a stretto contatto, ma la Gimar mantiene un buon margine a fine quarto (57/48). Si arriva così ad 1’30” circa dalla fine sul 58/68, punteggio che sembra delineare l'ennesima sconfitta con Lecco. Invece Crema, dopo due punti dalla lunetta di Paolin, miglior marcatore cremasco con 22 punti, ruba due palloni consecutivi e li capitalizza con una tripla di Ferraro e due punti di Dagnello dalla linea della carità. Balanzoni ha la palla del successo ma fallisce il tiro e Del Sorbo da tre allo scadere fa esplodere il PalaCremonesi. Dopo una battaglia di 50 minuti è vittoria cremasca per 86-85.

 

Punti fondamentali in chiave playoff
"Bisogna fare i complimenti ai ragazzi – commenta coach Salieri (nell'immagine a lato) - perché sono stati straordinari e questa impresa è frutto del loro orgoglio, del carattere e del grande lavoro che è stato fatto da agosto fino ad oggi in termini di mentalità e abitudine al sacrificio. La squadra ha una sua precisa identità e un'impronta ben marcata. Sono due punti pesantissimi perché conquistati contro una grande squadra e in condizioni di assoluta emergenza per come siamo ridotti ad allenarci, in pochi, spremuti e senza la possibilità di avere rotazioni adeguate come tutte le altre squadre. Due punti fondamentali in chiave playoff dove la soglia si è alzata. Ho apprezzato molto anche la crescita sul piano tattico dove i ragazzi si sono dimostrati pronti e recettivi a cogliere i necessari accorgimenti”. Con la vittoria di domenica Crema mantiene il terzo posto in classifica, tallonando Piacenza e portando Lecco a 4 i punti di distacco.

Oggi al cinema