26-03-2017 ore 20:40 | Sport - Calcio
di Tiziano Guerini

Pergolettese in bianco col Seregno. Il pareggio interno costa il secondo posto

Contro il Seregno la Pergolettese pareggia per 0 – 0 una partita che avrebbe benissimo potuto vincere. Molte le circostanze che hanno impedito ai gialloblù la soddisfazione della vittoria: l’espulsione al 24' del primo tempo di Piras che ha tolto una pedina importante ad un centrocampo già in sofferenza per l’assenza contemporanea di Manzoni e Tonon; una direzione arbitrale non certamente casalinga; un paio di rigori negati alla squadra di casa in particolare l’ultimo su Donzelli apparso evidente. Tutto questo al netto di due o tre occasioni da gol della Pergolettese veramente clamorose e sbagliate per sfortuna o troppa precipitazione. Con questo pareggio il Pergo cede il secondo posto in classifica al Ciliverghe che sarà il prossimo avversario diretto. Partita comunque avvincente specie nel primo tempo con le due squadre che si sono confrontate apertamente con rapide incursioni da una parte e dall’altra. Non per niente se alla fine si conteranno 13 calci d’angolo per il Seregno e 8 per la Pergolettese.

 

Primo tempo, espulsione e ammonizioni

Subito in avanti il Pergo con un rapido scambio Dimas-Rossi senza esito e poi all’8° minuto un batti e ribatti in mischia nell’area del Seregno senza che nessuno trovi spazio e tempo per calciare in rete. Un minuto dopo è Leoni che compie una parata-miracolo mandando in corner un tiro a colpo sicuro di Lillo. Al 15' veloce fuga di Dimas verso la porta avversaria sembra un gol già fatto ma il brasiliano spara forte in angolo. Al 24' l’espulsione di Piras per un fallo a centrocampo che avrebbe a stento meritato il cartellino giallo. L’espulsione significa oltretutto che il forte mediamo sarà squalificato per la prossima partita contro il Ciliverghe. L’arbitro, Rosario Grasso di Acireale, tre minuti dopo ammonisce Pedrabissi e l’allenatore Tiziano Lunghi che sostituisce in panchina lo squalificato Curti, decide di sostituirlo per evitare guai maggiori. In attacco si muove pericolosamente Bodini mentre Dimas pare soffrire per il gol mancato.

 

Nella ripresa due rigori reclamati

Partita sempre avvincente con il Seregno a macinare gioco senza peraltro pungere più di tanto la difesa gialloblu sempre attenta; mentre il Pergo agisce prevalentemente in contropiede. Al 6' punizione di Dimas che per quanto da lontano cerca inutilmente la porta; al 23' sempre Dimas servito in area davanti al portiere Aiolfi tocca malamente senza inquadrare la porta. Al 36' minuto primo rigore reclamato dal Pergo per fallo, peraltro non nettissimo, su Rossi, mentre al 46' il fallo da rigore  su Donzelli è apparso netto. Mischia finale nell’area del Seregno senza che nessuno riesca a calciare in rete. Secondo il mister Lunghi "i ragazzi hanno giocato una grande partita. Sui rigori e l'espulsione preferisco non pronunciarmi. Per domenica prossima a Ciliverghe aspettiamo due pesanti squalifiche - Piras e Brero - ma i ragazzi sono motivatissimi".

PERGOLETTESE – SEREGNO 0-0
Pergolettese: Leoni, Alborghetti, Boschetti, Piras, Arpini, Brero, Pedrabissi (28' pt Maietti), Xamin, Dimas, Rossi (43' st Premoli), Bodini (37' st Donzelli). A disp. Calvaruso, Baggi, Riceputi, Manzoni, Ibe, Cipelletti. All. Lunghi Tiziano (Curti squalificato).
Seregno: Aiolfi, Moretto, Arca, Rondinelli, Merli Sala, Terminello, Romano (28' st Di lauri), Romeo, Nevs Jeda, Cardinio (37' st Calmi), Lillo. A disp. Bardaro, Cusaro, Arduini, Negri, Corbo Schiavone,  Kondogbia, Gouveia Garcia. All. Andreoletti Matteo.
Arbitro: Grasso Rosario Antonio della sez. di Acireale.
Assistenti: Cubicciotti Paolo e Billone Alessio della sez. di Nichelino.
Ammoniti: Rondinelli, Pedrabissi, Dimas, Brero, Romano. Espulso Piras al 24' pt per fallo volontario a fermare Jeda in ripartenza.
Note: giornata parzialmente soleggiata, terreno in ottime condizioni, angoli 13 - 8 per il Seregno, spett. 500 circa, rec. 2+5.