26-02-2017 ore 10:15 | Sport - Calcio
di Tiziano Guerini

Pergolettese, trasferta insidiosa contro l'Olginatese senza Manzoni e Premoli

Un calo di tensione, o forse di concentrazione, o magari la sottile convinzione di aver già vinto la partita: quali siano le cause del mezzo passo falso commesso dalla Pergolettese contro la Virtus Bergamo con un pareggio dopo un doppio vantaggio, ora bisogna mettersi alle spalle tutto - compresa forse anche qualche responsabilità sui cambi che pure poi hanno avuto le loro spiegazioni. Adesso bisogna riprendere dalle buone cose mostrate nelle due partite precedenti, che non possono essersi perse del tutto. Occorre, e non è la prima volta, rimediare in trasferta quanto si è perso al Voltini. Questo è il momento del campionato di non perdere altri colpi, dal momento che si tratta di affrontare una serie di partite contro squadre di media, se non mediocre, classifica.

 

Olginatese quint'ultima in classifica

L'avversario di domenica 26 febbraio non è irresistibile: l'Olginatese occupa il quint'ultimo posto in classifica con 22 punti. Bisognerà allora fare i conti con una squadra che non vuole essere risucchiata troppo verso il fondo, e che quindi venderà cara la pelle. Se si è consapevoli di questo - e non può essere diversamente - allora la Pergolettese potrebbe recuperare facilmente quell'agonismo che, se mantenuto per tutta la partita, rende i gialloblù capaci di qualsiasi impresa. Mister Pierpaolo Curti dovrebbe aver recuperato tutti gli effettivi se si eccettua Manzoni che, dopo l'operazione al menisco, ne avrà almeno per un mese, e il difensore Premoli alla seconda giornata di squalifica. Ma in questo momento non è il centrocampo a creare preoccupazioni al Pergo che, con Piras e Tonon in particolare, ha una solidità invidiabile. È piuttosto la difesa che ha bisogno di qualche aggiustamento ma non dubitiamo che l'allenatore saprà stringere i bulloni al meglio. Il secondo posto in classifica che la Pergolettese occupa ora in esclusiva, dovrà essere uno stimolo in più.