25-03-2017 ore 20:50 | Sport - Calcio
di Tiziano Guerini

Pergolettese, al Voltini arriva il Seregno. Gialloblù senza mister Curti

Dopo il passo falso contro il Caravaggio, forse ancora più doloroso perché, almeno in parte, ritenuto immeritato, ora la Pergolettese deve riprendere subito la rotta perché nelle prossime tre partite si gioca gran parte della speranza di mantenere il secondo posto in classifica. Intanto domenica 26 marzo, ore 15, i gialloblù scendono in campo al Voltini contro i biancoblu del Seregno ed è solo l'antipasto di quello che accadrà prima di Pasqua. Infatti poi, a seguire, la Pergolettese dovrà affrontare dapprima il Ciliverghe in trasferta ( domenica 2 aprile) e poi la Pro Patria al Voltini (domenica 9 aprile), cioè la due squadre direttamente contendenti il secondo posto al Pergo. E proprio per queste tre partite di fondamentale importanza, il giudice sportivo ha deciso di squalificare, giusto per tre giornate, l'allenatore gialloblù Pierpaolo Curti. Motivo? Le "espressioni irriguardose" fatte dall'allenatore gialloblù nei confronti della terna arbitrale della partita contro il Caravaggio. Punizione eccessiva? Forse, ma soprattutto che cade in un momento del campionato tanto delicato! La società ha fatto sapere che non opporrà ricorso: noblesse oblige!

 

Gialloblù obbligati a reagire

Intanto i brianzoli allenati da Andreolassi, arrivano al Voltini in buona salute, con due vittorie alle spalle, con due attaccanti, Capogna e Lillo, che assieme hanno segnato 18 gol, e con un buon bottino di 38 punti che li colloca in una tranquilla posizione di classifica. I gialloblù sono un po'ammaccati, ma certamente disposti a ripetere la netta vittoria già ottenuta contro il Seregno all'andata per 3 gol a 1. Certo dover fare a meno ancora di Tonon e Manzoni, tutti e due reduci da infortuni e già fermi per più partite, ed entrambi giocatori fondamentali per un centrocampo che senza di loro perde certamente più di qualcosa in qualità e aggressività. In aggiunta in difesa assenti Ghidini squalificato prr aver raggiunto la quinta ammonizione e ancora indisponibile Baggi. Ma tutto questo bisogna buttarlo alle spalle; questo è un momento fondamentale e chi ha forza e coraggio deve dimostrarlo.