16-06-2016 ore 14:33 | Sport - Ciclismo
di Federico Feola

Campionato italiano di ciclismo individuale a cronometro, appuntamento il 22 giugno a Romanengo

Sale l’attesa per il Campionato italiano di ciclismo individuale a cronometro che si svolgerà mercoledì 22 giugno a Romanengo, organizzata dal Pedale Romanenghese, in collaborazione con l’amministrazione comunale, Federazione italiana ciclismo e Coni.

Le gare
Dalle 9 sino alle 20 saranno quasi 300 i corridori che sfideranno il tempo per conquistare il titolo italiano in sette categorie: Allievi maschile e femminile, Juniores maschile e femminile, Under 23 maschile, donne elitè ed open maschile (professionisti). I percorsi che attraverseranno i comune di Romanengo e Casaletto di Sopra saranno due: il primo di 12,5 chilometri coinvolgerà gli allievi in un giro mentre il secondo di 20,5 vedrà impegnate le restanti categorie. Solamente gli under 23 ed i professionisti percorreranno il tracciato per due volte. Al momento risultano iscritte Lisa Morzenti, Tatiana Guderzo, Rossella Ratto, Arianna Fidanza e Giorgia Bronzini nel femminile, Filippo Ganna, Davide Martinelli, Moreno Moser nel maschile mentre nella categoria allievi ci sarà Anselmo Francesconi, portabandiera dell’Uc Cremasca.

 



La presentazione
Nei giorni scorsi, presso il Castello, il presidente Gianluigi Ferrari ha illustrato agli appassionati delle due ruote i dettagli dell’evento che assegnerà la maglia tricolore. Una serata evento per il paese di Romanengo come illustri gli ospiti di una bellissima serata di sport, presentata dal giornalista Francesco Jacini. A fare gli onori di casa il sindaco Attilio Polla, in rappresentanza dell’amministrazione, e presenti numerose autorità sportive, Michele Gamba, vice presidente della Fci, Cordiano Dagnoni e Fabio Perego, rispettivamente presidente e consigliere Fci Lombardia. Hanno tenuto a battesimo la manifestazione i campioni delle due ruote di ieri, oggi e domani come Lucio Vailati, primo vincitore nel lontano 1953 di una corsa ciclistica a Romanengo, Adriano Baffi, attuale direttore sportivo del Trek Segafredo, e Marta Cavalli, punta di diamante della Team Valcar.

 

Mezzo secolo di tradizione
“Un appuntamento sportivo - spiega il sindaco - di rilevanza nazionale che fa onore al nostro comune. Il ciclismo agonistico fa parte de patrimonio sportivo di Romanengo, è una tradizione che continua da almeno cinquant’anni sulle nostre strade. Questo campionato italiano corona anni ed anni di organizzazione di eventi ciclistici, disponibilità dei volontari e degli appassionati”. “La stagione sta entrando nel vivo - puntualizza Michele Gamba - e ci attendono appuntamenti come le Olimpiadi di Rio de Janeiro, gli Europei di Nizza e Monaco e i Mondiali di Doha. Un’agenda che dice tutta l’importanza dei tricolori di Romanengo in chiave azzurra”.