14-06-2017 ore 19:22 | Sport - Pallavolo
di Federico Feola

Abo, per la stagione in B1 riconfermati Giorgio Nibbio e Stefano Condina

L’Abo Offanengo riparte da coach Giorgio Nibbio. La conferma del tecnico casalasco, artefice in panchina della storica promozione dalla B2 alla B1 femminile del sodalizio cremasco, è il primo passo nell’allestimento del nuovo gruppo che affronterà la terza serie nazionale, novità assoluta a Offanengo. Dopo le vacanze estive, coach Nibbio si preparerà a vivere la sua terza stagione al timone delle neroverdi. Contemporaneamente, la società cremasca conferma ufficialmente anche il direttore sportivo Stefano Condina, subito a segno nella sua prima annata a Offanengo. “Nella stagione da poco conclusa – commenta il presidente Pasquale Zaniboni – abbiamo raggiunto gli obiettivi che ci eravamo prefissati, conquistando la promozione in B1 femminile, e ci sembrava giusto proseguire sulla strada tracciata. Abbiamo proposto la conferma a coach Nibbio e al ds Condina e loro hanno accettato di rimanere a Offanengo, quindi abbiamo posto la prima pietra per il lavoro da svolgere per la nuova stagione”.

Nibbio e Condina riconfermati
“Sono molto contento di questa conferma – spiega coach Nibbio – siamo riusciti a centrare l’obiettivo, forse si poteva far meglio puntando alla promozione diretta, ma il salto di categoria è arrivato comunque attraverso i play off. In questi due anni a Offanengo ho conosciuto una categoria come la B2 che non avevo mai affrontato e ho imparato a modificare la metodologia di allenamento; sono cresciuto a livello tecnico, inoltre la società mi ha dato tantissimo a livello umano e ho potuto lavorare con tanta serenità, dando il massimo”. Parole di soddisfazione anche da parte del ds Condina: “Ringrazio il presidente per la fiducia che mi ha rinnovato. Abbiamo conquistato la B1 e ora la nuova sfida è farci trovare pronti per consolidare il Volley Offanengo 2011 nella terza serie nazionale. La conferma di coach Nibbio è molto importante per noi e ora ci mettiamo subito al lavoro per allestire la rosa”.