14-06-2016 ore 11:12 | Sport - Atletica
di Federico Feola

Campionati studenteschi di Roma, oro per Federica Chiodo nel salto in lungo. Buona prestazione per Alice Facchi

Si è concluso con un trionfo la trasferta romana della coppia di atlete cremasche Federica Chiodo e Alice Facchi. Le due studentesse dell’istituto Comprensivo Crema 2 di Ombriano, seguite tecnicamente da Andrea Cacopardo nel contesto del gruppo cremasco dell’Atletica Estrada e coordinate dal proprio docente Walter Cadenazzi, si sono guadagnate l’accesso alla Finale nazionale dei Campionati Studenteschi dopo aver vinto le fasi provinciali e regionali, disputatesi rispettivamente a Cremona e a Milano.

Prima nel salto in lungo
Per Federica Chiodo, partita per l’esperienza nazionale nel salto in lungo con i favori del pronostico forte del 5,06 fatto segnare ai regionali e unica atleta fra le partenti insieme alle rappresentante del Molise, Greta Fraraccio con una misura oltre i 5 metri, qualificazione semplice con un singolo salto a 4,96, sufficiente a raggiungere i 4,70 segnalati come misura necessaria al passaggio del turno. In finale, con la pedana reduce dal forte temporale delle ore precedenti, l'atleta cremasca ha aperto la gara con una serie di salti in sicurezza, rispettivamente 4,72 e 4,40, sufficienti a garantirsi un posto nelle prime otto e l’accesso ai tre salti di finale. Al terzo tentativo, osando di più in pedana arriva il 5,01 sufficiente a mettere un’ipoteca sulla medaglia. Nei salti di finale, con le avversarie alla ricerca del salto perfetto per eguagliare la misura, arrivano molti nulli mentre l’atleta cremasca piazza un secondo ottimo salto a 4,85, sufficiente a lasciarsi alle spalle nell’ordine la Fraraccio con 4,83, la ligura Bumbli con 4,74 e la trentina Tomasi con 4,73.

Podio sfumato per poco
Alice Facchi, che si è presentata al via negli 80 metri ostacoli con il 6 tempo di accredito e l’obiettivo dichiarato di centrare un posto in finale, ha gareggiato sui 3 turni delle manifestazioni di livello, con batterie, semifinali e finale. Al primo turno, inserita fra le teste di serie, Facchi sbaglia qualcosa in partenza, ma senza scomporsi conclude la gara senza errori in forte recupero, aggiudicandosi la serie in 12,96, vicina al personale e terzo tempo complessivo del turno. Copione simile nella semifinale, dove pur con una partenza cauta e un’ottima progressione lanciata si aggiudica la vittoria al photofinish davanti alla laziale Nobili: per lei primato personale con 12,70 e secondo tempo complessivo nel turno dietro la forte emiliana Margherita Guerra. In finale la cremasca (nella foto a lato) mette a posto la partenza, ma un’enfasi fin troppo eccessiva la portano vicino al 4° e 5° ostacolo facendola incocciare leggermente e perdendo centesimi preziosi, ma riuscendo comunque ad arrivare in fondo bene. Per lei alla fine un soddisfacente quarto posto che va ben oltre le aspettative iniziale seppur col lieve rammarico di aver potuto ambire a un posto sul podio, nonostante l’incertezza sulle barriere sia una costante nelle gare a ostacoli anche a livelli ben più alti.

I Campionati nazionali federali
Per entrambe le ragazze si trattava della prima esperienza assoluta ad un campionato nazionale, dimostrando comunque un’ottima tempra agonistica e una forte maturità nella gestione della gara e della manifestazione. Entrambe le atlete hanno inoltre già strappato il pass di partecipazione ai prossimi Campionati Nazionali federali.