14-04-2018 ore 19:18 | Sport - Basket
di Federico Feola

Pallacanestro Crema, domenica l'incontro con Vicenza. Ultimo sprint prima dei playoff

Domani, domenica 15 aprile, alle ore 18 ultimo incontro casalingo della regular season per la Pallacanestro Crema, prima della dura trasferta di Faenza e dell'inizio dei playoff. Dopo l'ennesima prova di carattere, con la vittoria di Forlì conquistata nonostante tre defezioni nel roster, Crema cerca un ultimo sforzo per chiudere il torneo nella miglior posizione possibile contro la Tramarossa Vicenza. Crema dovrebbe recuperare Del Sorbo, mentre sarà con tutta probabilità ancora assente Ciaramella.

Partita tosta
I quattro punti di vantaggio sul terzetto formato dalle prossime avversarie Vicenza, Faenza e da Lecco non danno ancora garanzia ai leoni cremaschi di aggiudicarsi uno dei primi quattro posti della graduatoria, con allegato diritto a giocarsi l'eventuale terza partita sul terreno amico almeno per il primo turno di post-season, nonostante il secondo posto nuovamente conquistato ai danni della Bakery Piacenza. "Sappiamo di avere di fronte un avversario difficile – commenta coach Salieri - Vicenza è una squadra forte, in un grande momento di forma. Sono profondi, molto fisici, espertissimi e talentuosi nei piccoli e potenti sotto canestro, ed è proprio lì in particolare che dovremo reggere l'urto. Ci aspetta una partita particolarmente tosta e conto in una grande prestazione da parte dei ragazzi".

Gli avversari
La Tramarossa Vicenza è avversario da tenere in debita considerazione, dato che arriva da due affermazioni consecutive. In piena lotta per la quarta posizione, la formazione di Marco Silvestrucci vanta un'ottimo roster ed un lusinghiero rendimento esterno, avendo ottenuto otto vittorie lontano dal Veneto, con la perla dell'affermazione sul campo della Bakery Piacenza. Formazione dalla spiccata vocazione offensiva, Vicenza mette a segno 77.8 punti a partita di media, risultando il terzo attacco del girone dopo quelli di Piacenza e Cento. Quattro uomini in doppia cifra nella formazione veneta: il pivot Corral, l'altro lungo Andrea Campiello, la guardia Svoboda, e il playmaker Demartini. Completano il roster Umberto Campiello, l'ala Montanari ed i giovani Contrino, Chemello e Rigon, oltre al talentuoso centro Kekovic, arrivato in prestito da Ferrara ed entrato prepotentemente nelle rotazioni di coach Silvestrucci nonostante la giovanissima eta (1999).