12-02-2017 ore 20:51 | Sport - Calcio
di Tiziano Guerini

Pergo, sconfitto il Levico Terme. Agonismo ed un grande Dimas fanno la differenza

Un'altra partita da "cappa e spada, giocata dalla Pergolettese con grande animosità, specie nel primo tempo, su un campo pesante e contro una squadra, il Levico, un poco all'ultima spiaggia. Comunque un gran primo tempo, spettacolare, con entrambe le squadre impegnate a darsele di santa ragione e con grande agonismo, cosa che certamente ha coinvolto la passione degli spettatori. Un Dimas eccezionale, da otto in pagella - nove se avesse segnato il rigore; il dieci ce lo riserviamo per lasciargli ancora margini di miglioramento - Una vittoria che sarebbe potuta arrivare con maggiore facilità, ma che alla fine dà ancora più soddisfazione.

 

Grandi emozioni

Un primo tempo con grandi emozioni. Già al 4° minuto Dimas mostra di essere in forma, con un tiro dal limite che il portiere Seveso alza sopra la traversa. Non bisogna attendere molto per il primo gol che arriva al 14° con un calcio d'angolo ben calciato da Dimas che il difensore Alborghetti, al suo primo centro con la maglia gialloblù, manda di testa in rete. Non passano due minuti che il Levico pareggia con Calì ben servito da Baido. Tutto da rifare. Pare che debba toccare all'ispirato Dimas sbrogliare ancora la matassa fattasi complicata, ma un suo bel tiro finisce contro il palo a portiere battuto. In campo avverso pare essere Calì a voler contendere a Dimas la palma di migliore in campo, con un diagonale al 20° che costringe Calvaruso a mostrare il proprio valore; Calì si ripete al 27° sempre fermato da Calvaruso. Dimas non ci stà a fare il secondo e si inventa un assist per Rossi che da parte sua, quando è in vena, sa giocare alla grande e così supera con un delizioso pallonetto il portiere avversario segnando poi di testa. Tutto molto bello. Dimas continua lo show: al 30° mette Maietti davanti al portiere che però riesce a deviargli il tiro; al 40° il brasiliano dà una grande palla in area a Rossi che viene falciato in area da Tessaro: rigore netto. Tira Dimas che si meriterebbe il gol più di tutti ma la sfortuna gli volta improvvisamente le spalle: pallone sul palo, ed è la seconda volta. Dalla sfortuna alla nemesi: al 47° l'arbitro Scordo da Novara, fischia un rigore che lascia un pò tutti di stucco, per una presunta spinta di Calvaruso in uscita su Calì: Baido trasforma.

 

La paura di perdere

Ad un primo tempo all'arrembaggio, non può che seguire una ripresa del gioco all'insegna della cautela: le due squadre ora si temono perché entrambe hanno dato prova di saper colpire. È però pur sempre il Pergo che mostra di voler di più da questa partita. Al 19° tenta un tiro Rossi che trova però attento Seveso; al 21° per dare ulteriore spinta alla squadra entrano Xamin e Bodini rilevando Maietti e Donzelli. Al 33° arriva la svolta: Calì incappa in un inutile fallo di reazione su Piras e viene giustamente espulso; sulla punizione conseguente Dimas estrae dal cilindro uno dei suoi tiri magistrali ed è gol. La Pergolettese non vuol dare né spazio né tempo al Levico per reagire e mantiene in mano il gioco. Al 90° potrebbe anche scapparci il quarto gol con un colpo di testa di Bodini su punizione di Dimas - ancora lui. Peccato che a tempo regolamentare ormai scaduto, Premoli si faccia espellere per un fallo volontario, che potrebbe costare caro per la relativa conseguente punizione che per fortuna sorvola la traversa. Il Pergo torna dal Trentino con tre punti importanti e sopratutto meritati dopo una gara combattuta senza risparmio.

LEVICO TERME - PERGOLETTESE 2-3

Reti: primo tempo 14° Alborghetti, 16° Cali', 29° Rossi, 47° Baido su rig.; secondo tempo 34° Dimas

LEVICO TERME: Seveso, Rippa (37° primo tempo Marini), Pipoli, Del Carro, Agosti, Tobanelli, Osti (20° secondo tempo Andreatta), Pancheri, Cali', Tessaro (31° secondo tempo Filippini), Baido. A disposizione Nervo, Canali, Bazzanella, Micheli, Curzel, Braccalenti. Allenatore Mezzanotti Davide.

PERGOLETTESE: Calvaruso, Alborghetti, Premoli, Piras, Arpini, Ghidini, Maietti (20° secondo tempo Xamin), Tonon, Dimas, Rossi (41° secondo tempo Ibe), Donzelli (20° secondo tempo Bodini). A disposizione Leoni, Brero, Boschetti. Allenatore Curti Pierpaolo.

Arbitro: Scordo Antonio Matteo di Novara.

Assistenti: Citterio Pierpaolo di Verona e Scapini Nicola di Legnago.

Ammoniti: Premoli, Calvaruso, Ghidini,Baido, Tobanelli, Agosti, Del Carro, espulso al 79°Cali' e Premoli al 93°.

Note: giornata soleggiata ma fredda, terreno in brutte condizioni per la nevicata dei giorni scorsi, angoli 6-5.