11-09-2017 ore 16:33 | Sport - Calcio
di Tiziano Guerini

Serie D. Ac Crema 1908, sconfitta sotto la pioggia. Rete di Bertani, il Lecco festeggia

La pioggia non porta bene all’Ac Crema 1908, sconfitta domenica in casa dal Lecco. Una partita vivace, come dimostra l’ammonizione a Mortara ad appena 5 minuti dall’inizio del primo tempo. Il Crema si lancia alla carica, prima con un tentativo di Pagano e poi con Bahirov, senza però concretizzare. Alla replica di Luoni, il Crema reagisce con l’insidiosa punizione di Biraghi al ventesimo minuto, neutralizzata da Nava. Bloccato anche il doppio tentativo del Lecco con Cristofoli e Roselli. La tensione rimane alta e al minuto 31, dopo aver sfiorato il gol, Bahirov viene espulso per un fallo su Mortara. L’inerzia è tutta per il Lecco, che sfiora il sogno del vantaggio con la rete di Roselli, annullata per fuorigioco. Il primo tempo si chiude in parità.

 

Il secondo tempo

Al ritorno dagli spogliatoi la pioggia non accenna a diminuire. È la formazione locale a farsi insidiosa per prima. Al nono minuto il Lecco tenta il gol con Cavalli, che però trova De Bastiani sulla via. È ancora Cavalli a provarci al ventiduesimo con un bel calcio finito di poco sopra la traversa. Proprio mentre il pubblico inizia a rassegnarsi al pareggio, Bertani stupisce tutti: al trentaseiesimo scocca un diagonale formidabile, imprendibile per De Bastiani. La squadra ospite si porta in vantaggio. Il campo pesante e la stanchezza non concedono il pareggio al Crema, che mercoledì 13 settembre proverà a reagire nel turno infrasettimanale al Voltini contro il Rezzato.

 

L’espulsione e gli equilibri

A fine match, nessuna recriminazione per mister Porrini: “dalla squadra mi aspettavo esattamente quello che ha dato. Abbiamo subito un gol dopo aver combattuto a lungo sullo stesso piano degli avversari, nonostante l’inferiorità numerica”. Un’espulsione che ha influito non poco sull’andamento: “ci ha messo in difficoltà contro una squadra determinata a vincere dopo la sconfitta del primo turno. Dopodiché, il gol era evitabile: conoscevamo il valore di Bertani e dovevamo stare più attenti”. Ora si attende la sfida con il Rezzato; cosa migliorare? “Sicuramente il possesso palla, sta in questo per noi la qualità del gioco. Per il resto, massima attenzione al Rezzato, squadra attrezzata con giocatori di livello superiore e una società organizzata per vincere”.