10-06-2017 ore 20:57 | Sport - Motori
di Federico Feola

Misano, Campionato italiano Super Gt. Gara impegnativa per Pietro Perolini

Domenica scorsa si è svolta la seconda tappa del Campionato Italiano Gran Turismo che ha visto il cremasco Pietro Perolini impegnato nella Super GT Cup sul circuito internazionale Simoncelli di Misano Adriatico. Perolini è sceso in pista al volante della Huracan Super Trofeo del team Antonelli Motorsport in coppia con Simone Sartori, in un weekend ricco di colpi di scena.

 

Le gare

Dopo una buona sessione di prove libere, Perolini in qualifica non è riuscito ad esprimere al meglio le sue potenzialità accontentandosi così del decimo tempo. In gara 1, dopo una buona partenza dalla quinta fila, Perolini con una gara in rimonta è riuscito a scalare due posizioni dopo un avvincente duello contro la Ferrari 458 della coppia Baccarelli - Ferrara consegnando la vettura 103 al compagno Sartori in ottava posizione. Durante la seconda parte, per un problema all’impianto frenante, la coppia lombarda è stata costretta al ritiro a soli 3 minuti dal termine. Adrenalina pura durante la gara 2 che ha visto Perolini tra i protagonisti. Al via Sartori, che a causa di un contatto tra due vetture scivola in 14ª posizione e rientra in Pit Lane per il cambio pilota in P12. Parte Perolini e subito dopo, per via di un incidente che ha coinvolto una vettura del team Imperiale, entra in scena la Safety Car. La concomitanza tra Safety Car e cambi pilota crea una grande confusione, che non solo ha annullato tutti i vantaggi guadagnati nella prima parte di gara, ma ha mandato in tilt il sistema di monitoraggio della classifica. A 10 minuti dalla fine la gara riparte e inizia una bagarre senza esclusione di colpi tra il cremasco e il ben più esperto pilota cinese Liang della Vincenzo Sospiri Racing. L’obbiettivo è difendere la terza piazza. Il colpo di scena arriva a 3 minuti dal termine, quando la direzione gara comunica l’errore della classifica facendo scivolare Perolini in ottava posizione. Il finale è ancor più amaro. Le due vetture in testa del Team Antonelli vengono penalizzate di 25 secondi per via del mancato rispetto della procedura di ripartenza al rientro della Safety Car. Slittano così in 4 e 5 posizione.


La soddisfazione del pilota cremasco

“Sono comunque contento per il lavoro svolto con il team – commenta Perolini - peccato per la confusione creata dalla Safety Car perché avremmo potuto recuperare una o due posizioni. Diciamo che abbiamo fatto le prove generali per stare tra i primi. Questo è il mondo delle corse, le sorti della competizione sono incerte fino all’ultimo secondo. Voglio ringraziare tutto l’Antonelli Motorsport e in particolare il team manager Marco Antonelli per la fiducia e il supporto costante che mi danno. Un ringraziamento speciale va anche ai miei partner, alla mia famiglia e a tutti gli amici che mi seguono con affetto in questa fantastica esperienza”. Perolini salterà il prossimo appuntamento di Monza in quanto impegnato all’estero; sarà di nuovo al volante sul circuito del Mugello a metà luglio.