04-12-2017 ore 16:57 | Sport - Tennis
di Federico Feola

Il Tennis Crema rimane in serie A1. Mora e Coppini chiudono i conti contro il Pistoia

Anche nel 2018 il Tennis club Crema giocherà il Campionato nazionale di Serie A1. Ci sono voluti i play-out, ma la sensazione era che il team lombardo meritasse qualcosa in più è stata confermata nella doppia sfida contro il Tennis club Pistoia. I ragazzi capitanati da Armando Zanotti avevano costruito la salvezza nella trasferta di domenica 26 novembre, sconfiggendo i toscani per 5-1. E sette giorni più tardi hanno completato l’opera. Per chiudere i conti bastavano due punti, e sui campi di via del Fante i due punti sono arrivati già nei primi incontri di giornata.

Coppini e Mora artefici della salvezza
Merito dei due giovani Alessandro Coppini e Filippo Mora. All’andata il milanese e il bergamasco, entrambi classe 1998, avevano conquistato sia i rispettivi match di singolare sia il doppio, e nel duello di ritorno si sono confermati. Mora (nell'immagine a lato) ha firmato l’1-0 superando per 6-4 e 6-0 Lorenzo Vatteroni. A seguire Coppini che si è imposto per 6-1 e 6-3 ai danni di Tommaso Brunetti mettendo la parola fine sul campionato dei cremaschi, rendendo vani i due singolari successivi, Ungur-Vavassori e Golubev-Virgili. Al termine della giornata una partita di calcetto tra le due formazioni per concludere in amicizia la sfida sportiva.

Obiettivo raggiunto
“Sono molto soddisfatto - commenta capitan Zanotti - delle prove di Mora e Coppini. Avevano una bella responsabilità e hanno risposto alla grande, vincendo sempre sia all’andata sia al ritorno. A differenza della gara d'andata, il Tc Pistoia ha provato a invertire il numero 3 e il numero 4 ma i nostri ragazzi si sono fatti trovare pronti, vincendo entrambi in due set”. Per Crema va in archivio un campionato comunque positivo, con l’obiettivo salvezza raggiunto. “Partendo in un girone con Prato e Parioli - prosegue Zanotti - il nostro obiettivo era questo. Poi durante il cammino c’è stata anche la possibilità di ambire a qualcosa in più, ma la Serie A1 è così. Basta perdere una partita e ci si ritrova a dover aggiustare il tiro. L’importante è che ci siamo ben comportati contro Pistoia, giocando un grande match all’andata che ci ha spianato la strada”.

Oggi al cinema