02-12-2017 ore 20:18 | Sport - Calcio
di Tiziano Guerini

Serie D. La Pergolettese in casa ospita il Dro Alto Garda, Crema in trasferta a Trento

Il calendario del campionato riserva per domenica 3 dicembre uno strano intreccio fra le squadre cremasche del Pergo e del Crema e la provincia di Trento: i gialloblù ospitano al Voltini i trentini del Dro Alto Garda, mentre i nerobianchi viaggiano alla volta del capoluogo Trento. Due partite alla portata sia del Pergo che del Crema dal momento che le avversarie, entrambe sconfitte domenica scorsa, occupano il fondo della classifica: il Dro con 9 punti, il Trento con 11.

Assenze importanti fra i gialloblù
Il Pergo ha alle spalle la sconfitta del derby che, oltre ai punti persi, ha lasciato in eredità due squalifiche per somma di ammonizioni di Manzoni e di Piras: non proprio acqua fresca se entrambi significano molto per il centrocampo gialloblù. A questo si aggiunga l'assenza dell'attaccante Rossi che è ormai fermo da tempo per infortunio. In compenso pare completamente restabilito il portiere Leoni assente al derby. In settimana la Pergolettese ha ingaggiato il centrocampista Guerci che già ha vestito la maglia gialloblù qualche anno fa, e che però difficilmente verrà buttato subito nella mischia. Per il resto, occhio al gialloverde Casella che ha all'attivo 7 goal, e attesa per Ferrario che ha una buona opportunità di incrementare il suo ruolo di capocannoniere del campionato.

Un Crema che si preannuncia rinnovato
Il Crema in trasferta allo stadio Brimasco di Trento è chiamato a confermare gioco e vittoria mostrate nel derby contro il Pergo. E in più a dimostrare di poter assorbire con disinvoltura la mezza rivoluzione che, stando alle voci, vorrebbero in uscita dalla società quattro o cinque giocatori. La cessione di Biraghi, Massoni, Pedrocca e Davini viene data per certa, e a loro si potrebbero aggiungere anche i nomi di Erpen e di Marrazzo. È vero che nel frattempo si sono aggregati al gruppo di mister Porrini gli attaccanti Capuano e Testardi, ma il saldo numerico è sempre in passivo; è da vedere quello qualitativo. Tornando alla partita di domenica, il Trento non è una squadra irresistibile ma prima o poi dovrà pure mostrare una reazione; che forse è già in atto se a Trento sono arrivati in settimana due giocatori che a Crema conosciamo bene perché entrambi con un buon passato nella Pergolettese: il portiere Calvaruso e l'attaccante Bardelloni. Ma ci vuol altro per fermare il Crema lanciato dalla vittoria del derby.