08-10-2016 ore 18:23 | Spettacoli - Danza
di Gianni Carrolli

Crema. Il san Domenico applaude il talento di Simona Atzori. Passione ed emozioni nella serata Centodieci è ispirazione

Il teatro San Domenico ha accolto con un tutto esaurito l’esibizione di Simona Atzori, ospite della manifestazione Mondi di carta nella serata realizzata in sinergia con Banca Mediolanum. Una serata, quella di venerdì sera, in cui la ballerina milanese ha emozionato il pubblico con una performance traboccante di passione, dimostrazione di come la disabilità – Atzori è nata priva di braccia – ben poco possa contro la voglia ed il desiderio di stupire e di stupirsi. Ricca di emozioni anche l’intervista che l’artista ha concesso a fine esibizione, nella quale ha ripreso alcuni concetti espressi in Cosa ti manca per essere felice, suo ultimo successo letterario.

 

Centodieci è ispirazione

La serata è inserita nel programma di iniziative Centodieci è ispirazione, progetto dell’istituto educativo di Mediolanum per “favorire il contatto diretto con personalità che incarnano modelli d’eccellenza in diversi settori professionali”. Fil rouge che lega i testimonial selezionati ogni anno per Centodieci è ispirazione è la capacità di tali persone di “aver reso possibili, attraverso il loro entusiasmo, nuovi percorsi, permettendo alla società di raggiungere inediti traguardi. Se i modelli sono da sempre ritenuti essenziali per il progresso dell’umanità, il terzo millennio porta con sé la possibilità di intrecciare una relazione nuova con tali figure eccellenti”.

 

Il programma

La giornata di domenica 9 ottobre si aprirà con con la cerimonia di investitura di quattro nuovi Chevaliers du Brie di Melun: Stefania Bonaldi, Enrico Tupone, Roberta Schira e Stefano Fagioli. La mattinata si concluderà con lo show coocking di Vincenzo Soreca, cuoco di Lumen. Per tutta la giornata le sale Fra Agostino e Cremonesi ospiteranno le consulenze dei dottori Paolo Donesana, Elena Pagliari e Annalisa Ruffo, e le attività di Annalisa Ruffo e Marilena Caio. Nel pomeriggio, le dimostrazioni degli chef stellati Claudio Sadler, Filippo Lamantia e Giancarlo Morelli, la degustazione di salumi e vini con Alberto Spisni e Luca Bandirali e l’intervento della professoressa Barbara Alberti. La chiusura è affidata a Lorenzo Frignani, che accompagnato da Claudio Maccari e Paolo Pugliese proporrà aneddoti e storie sulle chitarre antiche.