29-05-2017 ore 18:32 | Rubriche - Crema
di Gianni Carrolli

Life-med. Recupero attrezzature sanitarie dismesse, l’Asst di Crema esempio virtuoso

La conferenza del 18 maggio a Brescia ha permesso di fare il punto sul progetto europeo Life-Med, il sistema integrato per ridurre i rifiuti da attrezzature mediche e di apparecchiature elettriche ed elettroniche. Nel corso del triennio 2014-2017, in Europa, sono stati censiti 11 mila ospedali, 68 mila presidi sanitari e 55 mila cliniche veterinarie; tra i materiali in via di dismissione, il progetto ha permesso di recuperare e destinare a 80 enti in tutta Europa 441 tra attrezzature medicali, componenti di ricambio e arredi sanitari, evitando la produzione di 31 tonnellate di rifiuti.

 

Ambiente ed altruismo

“Tra le realtà più coinvolte sul territorio italiano – si legge nel comunicato di Legambiente – l’Asst di Crema ha rappresentato uno degli esempi più virtuosi di partecipazione”. Dal presidio cremasco sono state recuperate 2 culle termiche, 3 respiratori per anestesia, diversi ecografi e alcuni monitor parametrici. “Da sempre siamo attenti a chi ha di meno – afferma Luigi Ablondi, direttore dell’Asst di Crema – e nel rispetto di questo, abbiamo adottato una procedura organizzativa interna tale per cui nel momento in cui è necessario il rinnovo delle attrezzature mediche, viene consultata una lista di Associazioni alle quali destinare il riuso del dispositivo ricondizionato”. Buone politiche nei confronti degli altri, e l’ambiente ringrazia.