28-10-2015 ore 19:36 | Rubriche - Fahrenheit 451
di Giovanni Catelli

Julio Ramòn Ribeyro. Gli Scritti apolidi pubblicati in Italia da La Nuova Frontiera

È una gioia scoprire che gli editori sanno ancora ritrovare e pubblicare libri di qualità: è il caso di questo libro, prezioso e delicato, dello scrittore peruviano Julio Ramòn Ribeyro, che è stato pubblicato in Francia nel 2011 dall’editore Finitude con il titolo di Proses apatrides, e ora è stato meritoriamente pubblicato in Italia da La Nuova Frontiera con il titolo di Scritti apolidi. Siamo lieti di offrirvi la lettura di una di queste prose, che vanno a comporre un libro inclassificabile eppure bellissimo, sospeso fra il diario intimo, il poema in prosa, la meditazione filosofica, la raccolta di frammenti.

 

138

Nel corso dei dieci anni in cui ho lavorato all’Agenzia, sono andato quasi tutti i giorni ai giardini del Palais Royal, a camminare per qualche minuto sotto i portici, prima o dopo pranzo e, quando non avevo soldi, al posto del pranzo. E cosa resta in me di quelle passeggiate, santo cielo, cosa resta? A cosa mi è servito quell’investimento di centinaia e centinaia di ore della mia vita? A niente, se non a lasciarmi nella memoria una cosa simile al disegno di una cartolina, sciocco nella sua precisione. Noi abbiamo una concezione finalistica della vita e crediamo che tutti i nostri atti, soprattutto quelli che si ripetono, abbiano un significato nascosto e debbano dare dei frutti. Ma non è così. La maggior parte dei nostri atti sono inutili, sterili. La nostra vita è tessuta con una trama grigia e piatta e solo raramente sorge improvviso un fiore, una figura. Forse i nostri unici atti pregevoli e fecondi sono state le parole tenere che qualche volta abbiamo pronunciato, un gesto audace che abbiamo compiuto, una carezza distratta, le ore impiegate a leggere o scrivere un libro. Nient’altro. Julio Ramòn Ribeyro – Scritti apolidi – La Nuova Frontiera / Proses apatrides – Finitude

Oggi al cinema