28-06-2017 ore 18:03 | Rubriche - Medicina e salute
di Paola Adenti

Crema. Pediatria, innovativo umidificatore donato dal Rotaract club terre cremasche

È stata ufficializzata oggi la donazione all’unità operativa di Pediatria dell’ospedale di Crema, di una sofisticata apparecchiatura umidificatore con generatore di flusso integrato modello Airvo 2, fornita dalla ditta Fisher & Paykel sas, da parte del Rotaract club terre cremasche. Valore complessivo della donazione 3.400 euro. Il Direttore Generale dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale, dottor Luigi Ablondi, ha espresso la sua gratitudine nei confronti della sensibilità dimostrata nei confronti del reparto che, già lo scorso Natale, era stato omaggiato di una serie di nuovissimi giochi da regalare ai piccoli pazienti durante la degenza per rendere loro meno traumatico il periodo trascorso in ospedale.

 

Un aiuto ai neonati

Soddisfazione anche da parte del Dirigente del nido e dell’area perinatale dottor Lucio Aramini e del Primario dell’U. O. di Pediatria dottor Emilio Canidio, che ha illustrato il funzionamento dell’apparecchiatura donata. Si tratta di un supporto respiratorio al quale ricorrere prima della ventilazione meccanica nei neonati e che porta a positivi risultati. Lo scorso anno un’epidemia di bronchiolite ha determinato un uso intensivo di un apparecchio meno innovativo già in dotazione all’ospedale. Il Rotary ne è venuto a conoscenza e ha cercato di intervenire con l’importante donazione. Una promessa mantenuta che aiuterà molti piccoli pazienti.

 

Collaborazione attiva

Matteo Gorlani, presidente del Rotaract ha a sua volta ringraziato i medici pediatri, la direzione e Simona Gotti per l’intervento organizzativo ed il rapporto con i media. Si è dichiarato felice di supportare grandi realtà, come quella dell’Asst, che presentano molte necessità, ma possono attingere a scarsi fondi. Ha inoltre assicurato che la collaborazione continuerà, soprattutto a favore del reparto di Pediatria. Presenti in conferenza anche Ercole Fanottoli, presidente del Rotary club di Soncino e Tullio Caronna, presidente del Rotary club visconteo di Pandino, entrambi a fine mandato.

 

La Nuova Pediatria

I tre club operanti sul territorio, attraverso i componenti del direttivo, hanno chiesto input concreti per mettere in atto le forze in loro possesso al fine di offrire aiuti validi e mirati. Il dottor Ablondi ha informato che a partire dal 2018-2019 si ipotizza la ristrutturazione dell’unità di pediatria. Si cercherà di realizzare un reparto nuovo sulla base di idee all’avanguardia, che andrà oltre la visione “medicocentrica”. La nuova pediatria sarà organizzata secondo tecniche moderne che possano venire incontro anche alle esigenze dei giovani pazienti. Per riprogettare l’area ci si rivolgerà a professionisti che dovranno tener conto dei principi di accoglienza e soddisfazione di esigenze primarie. La Regione metterà in campo i fondi per la struttura, non per la revisione logistica di spazi, supporti, arredi a misura di bambino. Serviranno sì ingredienti “medicali”, ma anche di altro tipo. Ablondi ha chiesto a questo proposito ai componenti del direttivo Rotary presenti di mettere in campo esperienza, progettualità, professionalità unite a richieste ed esigenze provenienti direttamente dai parenti dei piccoli che hanno vissuto esperienze in reparto. L’ingresso dei donatori nel progetto sarà a questo punto di fondamentale importanza nella continuità di una progettualità condivisa.