25-08-2017 ore 15:15 | Rubriche - Comunicazioni ai cittadini
di Gianni Carrolli

Università. Legge di bilancio, dal prossimo anno iscrizione gratis per gli Isee più bassi

L’università pubblica fa un passo in avanti verso famiglie e studenti. Dall’anno scolastico 2017-2018 gli studenti con un Isee inferiore a 13 mila euro che iscriveranno al primo anno non pagheranno l’iscrizione. Stesso discorso per chi iscriverà al secondo o terzo anno del corso di laurea triennale e per gli iscritti ai corsi magistrali. Sconti sono previsti anche per gli alunni che nel calcolo dell’Isee rimarranno sotto i 30 mila euro, così come per i dottorandi che non beneficiano di borse di studio. Si tratta della No tax area introdotta dalla legge di bilancio 2017 (in allegato il dossier riassuntivo).

 

Esenzioni e sgravi

Grazie alle misure introdotte, le matricole degli atenei pubblici saranno tenuti a pagare unicamente la tassa per il diritto allo studio, del valore di 140 euro, e il bollo di 16 euro. L’esenzione dalla tassa d’iscrizione è valida anche per tutti gli studenti fino al primo anno fuori corso, a patto che abbiano acquisito il numero di crediti necessari (dunque che siano in regola con gli esami). Per gli iscritti con un reddito Isee superiore ai 13 mila ma inferiore ai 30 mila euro il contributo annuale non potrà superare il 7% della quota Isee che eccede la soglia minima (13 mila euro).