23-01-2018 ore 19:51 | Rubriche - Medicina e salute
di Lidia Gallanti

Avis. Emergenza sangue, appello ai donatori cremaschi: giovani e stranieri in prima linea

"Causa emergenza sangue al centro trasfusionale di Crema, raccomandiamo la massima puntualità ai donatori. Chi ha donato plasma anche solo da due mesi, si renda disponibile". Con una mail, l'Avis territoriale lancia un appello ai suoi iscritti. La richiesta arriva dal centro trasfusionale dell'Asst Crema, che gestisce i prelievi e raccoglie il materiale ematico, indispensabile per far fronte alle urgenze o svolgere interventi chirurgici ordinari.
 

Interventi chiurugici rimandati
Il periodo di ferie e i virus di stagione hanno ridotto drasticamente le donazioni tra dicembre e gennaio. La criticità ha costretto l'Asst di Crema a rimandare parte degli interventi chirurgici programmati e non urgenti. "La prima emergenza è stata all'inizio dell'anno, con una richiesta di sangue di tipo zero negativo e positivo" spiega Roberto Redondi, presidente di Avis Crema. "Il centro trasfusionale dell'Asst Crema ha chiesto a tutte le sezioni territoriali - 15 in tutto - di contattare i propri soci per raccomandare la puntualità e quando possibile anticipare i prelievi".

 

Giovani e stranieri in prima linea

La risposta da parte del territorio è fondamentale: “da lunedì 8 gennaio ad oggi contiamo oltre 30 accessi giornalieri per oltre 400 donazioni tra sangue e plasma, il 20 per cento in più rispetto al gennaio 2017” dichiara Massimiliano Viti, responsabile del centro trasfusionale di Crema. “In molti rispondono attivamente all’emergenza, vedo tanti giovani e tante persone di origine straniera, provenienti dal nord Africa, dal Medioriente e dall’India. Sono cittadini che vivono stabilmente sul nostro territorio e sono iscritti alle Avis locali; è un dato significativo, considerando l’importanza della cultura del dono”.


Per offrire il proprio aiuto
 "Fino a venerdì scorso la situazione è stata critica - conclude Viti - contiamo sul rientro dei tanti iscritti che si renderanno disponibili e invitiamo tutti a considerare questa possibilità”. L'appello è rivolto a tutti: per iniziare a donare basta avere tra i 18 e 60 anni, essere in buona salute e pesare almeno 50 chili. L'idoneità è stabilita tramite la valutazione clinica di un medico, dopo aver sostenuto gli esami di laboratorio necessari a garantire la sicurezza di donatori e riceventi. Si può donare sangue intero (ogni tre o sei mesi) o plasma (intervallo minimo di 14 giorni). Per contattare l'Avis cremasca cliccare QUI.

Oggi al cinema