19-12-2016 ore 12:19 | Rubriche - Medicina e salute
di Ramona Tagliani

Trapianti. Il Sic premia la Lombardia: 411 donatori segnalati, 247 sono multi organo

La Lombardia è la prima regione in materia di trapianti. La conferma è di livello scientifico e arriva dal Sic, il rapporto Sanità in cifre di Senior Italia presentato a Roma all'auditorium del ministero della salute è chiarissimo: con 411 donatori segnalati e 247 donatori (il 73,7% multi organo) compatibili con pazienti in lista d’attesa.


Aumenta la sensibilità

Seconda, piuttosto staccata, la Toscana con 141 casi (44,7% multi organo). Il rapporto sanitario nazionale segnala poi l’Emilia Romagna con 118 (59,3% multi organo) e il Lazio con 98 donatori (75,5 % multi organo). Secondo i dati del Centro nazionale trapianti è aumentata anche la sensibilità verso l’argomento della donazione e la possibilità di poter salvare una o più persone con un gesto così importante quanto difficile per la famiglia del donatore.


I dati a confronto

Nel 2015 in Lombardia i donatori sono stati 247 contro i 245 del 2014. Lo scorso anno i trapianti di rene, da donatore non vivente, sono stati 1580, di cui 323 eseguiti negli ospedali lombardi. Anche per quanto riguarda i trapianti di fegato da paziente non vivente sono stati eseguiti per circa il 27% in Lombardia: 270 su 1071 distribuiti su tutto il territorio nazionale. Per quanto riguarda i trapianti di cuore, nel 2015, su 246 ne sono stati eseguiti 64 in Lombardia, pari al 26%, mentre quelli di polmone sono stati complessivamente 112, di cui 39 negli ospedali lombardi (35%).