19-07-2017 ore 10:02 | Rubriche - Fuori dal coro
di Andrea Galvani

Strage via d’Amelio. Fiammetta Borsellino: "pretendiamo la restituzione della verità"

Il 19 luglio del 1992 venne fatta esplodere una Fiat 126 imbottita con 100 chili di tritolo e parcheggiata nei pressi dell'abitazione della madre di Paolo Borsellino. Nella strage di via D’Amelio persero la vita il magistrato e i cinque uomini della scorta: Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. L'unico sopravvissuto fu l'agente Antonino Vullo. Cinquantasette giorni prima, il 23 maggio 1992 in un altro attentato, a Capaci, vennero uccisi Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. Gli unici sopravvissuti furono gli agenti Paolo Capuzza, Angelo Corbo, Gaspare Cervello e l'autista giudiziario Giuseppe Costanza.

 

Legalità e giustizia

In un recente intervento pubblico, Fiammetta Borsellino ha ricordato che “coltivare il valore della memoria è necessario per proiettarsi nel futuro con la ricchezza del passato. Significa anche dire in maniera ferma e decisa da che parte stiamo: dei valori della legalità e giustizia per i quali sono morti”. A venticinque anni di distanza “dobbiamo pretendere la restituzione della verità che dia un nome e un cognome a quelle “menti raffinatissime” che con le loro azioni ed omissioni hanno voluto eliminare due servitori dello Stato. In particolare nelle prime, delicatissime ore, successive all'attentato”.

 

 La redazione consiglia:

cronaca - Palermo
Sono passati 24 anni ma è come fosse accaduto poco fa. Il 19 luglio 1992, alle ore 16.58, esattamente 57 giorni dopo la strage di Capaci una Fiat 126 rubata imbottita di esplosivo venne fatta...
Oggi al cinema