15-07-2017 ore 20:35 | Rubriche - Fatto di ambiente
di Alvaro Dellera

Un fatto d’ambiente. D’estate, il frinire delle cicale. Le zone alberate di Crema e l’upupa

Forse questo inizio d’estate passerà alla storia per essere l’estate più calda di sempre. A Crema, in città ed in periferia, la gente si stupisce nel sentire, forse per alcuni è la prima volta, il frinire delle cicale. Sui social lo stupore si moltiplica e la curiosità aumenta. Bene, diciamo subito che il fenomeno della presenza di cicale alle nostre latitudini non deve stupire ma incuriosire. Questi particolari insetti, grandi poco più di 4 centimetri, sospettati di vivere solo nelle aree mediterranee, ciclicamente e soprattutto all’aumentare delle temperature estive popolano, da sempre, anche le aree alberate delle nostre città centro padane. L’interesse e le curiosità iniziano quando scopriamo che alcune specie di questi “omotteri” prima di iniziare il loro ciclo di vita possono stare per molti anni sottoterra. Fino a 17 anni.


L’esoscheletro della cicada orni

Le specie di cicale sono alcune migliaia ma in Italia vivono prevalentemente due specie, la più comune è la cicada orni. Questa specie lascia lo stato larvale dopo 4anni passati sotto terra succhiando il liquido organico delle radici e compie una vera e propria muta. Si libera della protezione cartilaginea (exuvia) un esoscheletro che l’ha protetta in tutti questi anni e inizia la vita vera e propria della durata massima di 4 settimane. Si posa sui tronchi e sui rami più alti, si nutre succhiando la linfa degli alberi, si accoppia e deposita le uova, dalle quali si sviluppano nuove larve che subito si interrano per dare vita al nuovo ciclo.


I predatori naturali

Non sono molti i predatori di cicale e prevalentemente la predazione avviene allo stato larvale da insetti scavatori come il grillo talpa e da uccelli terricoli che hanno ben sviluppato la tecnica di ricerca ed estrazione. E’ il caso dell’upupa, che individuato il foro dal quale uscirà la cicala infila il potente becco e ne estrae il contenuto per alimentare velocemente i propri nidiacei.

 La redazione consiglia:

rubriche - Fatto di ambiente
“Che sarà quell'ombra in fondo al viale di casa mia. Sarà il cane che ritorna, ma il cane non è. Che sarà quell'ombra sulla strada. Sarà la volpe...
rubriche - Fatto di ambiente
Avevamo il sospetto che potesse avvicinarsi molto alla città, ma vederlo in azione oggi, a qualche centinaio di metri dalla piazza Duomo a Crema, ha sorpreso tutti. Il falco...
rubriche - Fatto di ambiente
Documentare i mammiferi del cremasco è complicato. Un fatto d’ambiente che intristisce se pensiamo a quali e quante specie di mammiferi sono transitati da queste parti quando la pianura...
rubriche - Fatto di ambiente
Si stima che in Italia non ne vivano più di 150-200 coppie. Da gennaio 2016 a oggi secondo le statistiche acquisite dalla piattaforma Ornitho.it le osservazioni sono state di 115 individui...