15-01-2018 ore 17:20 | Rubriche - Medicina e salute
di Lidia Gallanti

Asst Crema. Dieci neo infermieri e otto borse di studio, i laureati lavorano entro 30 giorni

Dieci laureati e otto borse di studio. Si conclude con un ottimo risultato il secondo ciclo della laurea triennale in infermieristica dell'università di studi di Milano, avviato a Crema dal 2011 e divenuto un punto di riferimento per la formazione di professionisti destinati al fabbisogno delle strutture sanitarie territoriali.

 

Otto borse di studio

Oggi la consegna delle borse di studio offerte dall'Associazione popolare per il Territorio, una cifra complessiva pari a 2500 euro da suddividere tra gli otto migliori studenti del triennio 2014-2017. I dirigenti dell'Asst Crema si sono complimentati con le neo dottoresse Martina Bonomelli, Clara Delfanti, Sara Griffini, Viola Manclossi, Giulia Martinenghi, Valentina Mezza, Chiara Pappalardo, Viktoriya Popovich, Sara Toscani.

 

Al lavoro entro 30 giorni

 "Stiamo saturando la richiesta territoriale, su un'area di riferimento compresa tra Lodi, Bergamo, Cremona e Crema", spiega la referente del corso Laura Milani. Le richieste non mancano, sia dalle strutture sanitarie sia da parte degli aspiranti infermieri: "Si tratta di una professione con una grandissima appetibilità: il tempo medio d'impiego si attesta tra i venti e i trenta giorni successivi alla laurea".

 

Infermieri per il territorio

Dal 2012 al 2017 sono 32 gli studenti che hanno conseguito la laurea triennale, in maggioranza ragazze. Di questi, 30 hanno già trovato lavoro: 11 sono stati assunti presso strutture sanitarie e assistenziali cremasche, 18 tra Lodi, Cremona, Milano, Bergamo e Brescia, una all'estero. Attualmente gli iscritti al corso sono 74, di cui 15 persone al terzo anno, tutti cremaschi.

Oggi al cinema