06-03-2017 ore 10:44 | Rubriche - Fahrenheit 451
di Giovanni Catelli

Il valore della verità dei fatti. Patrick Mahé, Didier Rapaud e gli Eroi del fotogiornalismo

I fotoreporter, ancora oggi, rischiano la vita per essere vicini alla verità delle cose. In tempi di assoluto cinismo e sfrontata manipolazione della realtà, in cui i governi investono cospicui capitali per confondere le masse e modificare la percezione dei propri comportamenti, spesso criminali, esistono ancora persone capaci di dar valore alla verità dei fatti, quasi più che alla propria stessa vita. In questo libro si documentano i destini di molti eroici fotoreporter, che hanno pagato con la vita la propria dedizione al lavoro, a questa missione di informare in modo autentico, un'opinione pubblica che forse non esiste più, o confonde distrattamente verità e menzogna, senza curarsene davvero. Le foto di questo libro sono stupende, contengono una carica emotiva altissima, sia per le situazioni che documentano, sia per il destino che sembra incombere su quasi tutti i reporter. Uomini e donne di valore assoluto, come Robert Capa, Gerda Taro, Jean-Pierre Pedrazzini, Larry Burrows, Gilles Caron, Bill Biggart, Rémi Ochlik ci donano fotografie capaci di abbattere la parete di cinismo che sembra ormai avvolgere le coscienze. Dalla guerra civile spagnola al Vietnam, dall'invasione dell'Ungheria all'apartheid sudafricana, dalle torri gemelle alla guerra di Libia, la loro macchina fotografica sa narrare l'indicibile. Questo libro è dedicato a loro, e agli altri colleghi che hanno perso la vita sul campo, con la gratitudine che dobbiamo per queste testimonianze impagabili, dal cuore di tenebra della nostra civiltà. Patrick Mahé, Didier Rapaud - Eroi del fotogiornalismo – Electa.

Oggi al cinema