05-02-2015 ore 21:14 | Rubriche - Fahrenheit 451
di Giovanni Catelli

Romain Gary. La storia dell’Europa dal Secondo conflitto mondiale al Dopoguerra: Neri Pozzi ripropone Educazione europea e La notte sarà calma

Uomo poliedrico Romain Gary è stato grande comunicatore, abile diplomatico, frequentatore del bel mondo e scrittore capace di riscuotere successi di pubblico e di critica. L'editore Neri Pozza ripropone meritoriamente ai lettori italiani i suoi libri più importanti: molto interessante è il suo primo romanzo, Educazione europea, che ricevette un elogio anche da Jean-Paul Sartre.

 

La crudeltà della guerra

Si narra della lotta dei partigiani polacchi contro l'invasore nazista nella Seconda guerra mondiale: la narrazione è cruda e realistica, non lascia sconti consolatori e mostra sino in fondo la crudeltà della guerra, senza però smarrire la speranza nell'uomo, e in particolare nell' umanità di chi si batte per il proprio paese e la propria libertà; quando tutto cospirerebbe per un'abiezione totale e un pervertimento di chi lotta in condizioni disperate, la migliore natura dell'uomo riappare, e si mostra in tutta la sua potenza, donando ai resistenti la capacità di guardare oltre le terribili circostanze e la crudeltà implacabile del nemico. Il naturale equilibrio tra realismo e speranza, oltre all'autenticità della voce narrante, costituisce il valore del libro, che sa colpire ed emozionare il lettore.

 

La storia dell'Europa

La notte sarà calma rappresenta in qualche modo l'autobiografia di Gary, all'anagrafe Romain Kacev, nato in Lituania e figlio di celebri attori, sotto forma di intervista fittizia, di cui egli scrisse in realtà domande e risposte. La storia politica dell'Europa, dal dopoguerra in avanti, è protagonista di questo racconto di grande fascino, in cui l'autore con grandissima lucidità analizza lo stato delle cose europee sino alla metà degli anni settanta, e sa guardare al futuro con acutezza e disincanto. La sua è la voce di un uomo sovranamente libero, che non può piegarsi all'ipocrisia o al tradimento dei principi che lo sostengono: vede l'abiezione della storia e ce ne riferisce con sincerità, senza volersi illudere ; si vorrebbe ascoltare il suo racconto ancora a lungo, tali sono l'intelligenza e la lucidità che spirano dalle sue parole.

 La redazione consiglia:

rubriche - Fahrenheit 451
Per gli appassionati di letteratura, grazie all'attenzione di Andrea Caterini e alla meritoria passione dell'editore Gaffi, che sa proporre in tempi difficili per l'editoria libri di...
rubriche - Fahrenheit 451
A cavallo della mezzanotte tra il 15 e il 16 dicembre 1969, il ferroviere anarchico Pino Pinelli precipitò da una finestra della Questura di Milano. Questa data resterà impressa per...
rubriche - Fahrenheit 451
Romano Vecchiet è un eccezionale conoscitore dell'universo ferroviario e della sua storia: dopo i suoi lavori tecnici e storici era inevitabile che si affidasse alla prosa per testimoniare...
rubriche - Fahrenheit 451
E’ singolare la sorpresa che ha traversato gli ambienti letterari italiani e internazionali alla notizia del premio Nobel a Patrick Modiano. Forse stanno davvero scomparendo in tutto il mondo...
rubriche - Fahrenheit 451
Notte e nebbia di Jean Cayrol è un prezioso libro, edito dalle meritorie edizioni Nonostante, che racchiude due precedenti volumi pubblicati in Francia: si tratta del testo Nuit et brouillard,...
rubriche - Fahrenheit 451
Petr Kràl è un grande prosatore e poeta ceco: emigrato in Francia nel 1968 in seguito all'invasione sovietica della Cecoslovacchia, ha vissuto a Parigi per più di...