29-07-2017 ore 09:46 | Politica - Romanengo
di Francesco Ferri

Romanengo, richiedenti asilo. Lega nord furente: “scelta imposta e calata dall’alto”

“Le amministrazioni comunali subiscono il sistema di accoglienza non più legato ad un’emergenza temporanea ma un vero e proprio modello strutturale che vede i territori spettatori di decisioni calate dall’alto, senza la possibilità di dissentire”. Questo il commento del segretario della sezione Lega Nord di Romanengo e Offanengo Maria Grazia Nichetti in merito al possibile arrivo di richiedenti asilo nel territorio di Romanengo. Sull’argomento il sindaco Attilio Polla ha dichiarato che “sarà cura dell’amministrazione monitorare la situazione”.

 

Insicurezza e disagio

La struttura individuata sembra essere quella dell’ex consorzio Agrario in via XXV Aprile. “Un immobile datato e a ridosso di un asilo nido” commenta il segretario della Lega. “Giusto due anni fa - prosegue Nichetti – il cremasco ha subito una scelta simile nel comune di Chieve. Una situazione che ha generato insicurezza e disagio per i cittadini. Quanto sembra accadere nel comune di Romanengo è ancora più grave. Oltre ai problemi sociali e di sicurezza legati all’arrivo di soggetti richiedenti asilo, si danneggia anche una importante attività di carattere sociale. Adiacente all’area individuata è presente un micronido che garantisce un servizio importante alle famiglie della zona. La destinazione dell’ex Consorzio a struttura per l’accoglienza determinerebbe sicuramente un'incompatibilità con la realtà già esistente”.

 

Le certificazioni

“Quindici giorni fa – commenta il sindaco Polla – abbiamo avuto un incontro in Prefettura. Come più volte ribadito il comune non dispone di strutture per ospitare i richiedenti asilo. Erano stati interpellati i proprietari dell'ex Consorzio agrario. Avevano dichiarato che la palazzina destinata all’abitazione del custode e del direttore era vecchia e in disuso ormai da dieci anni. Ci hanno rassicurato che la struttura al massimo può ospitare dieci o dodici persone. Abbiamo chiesto di fornirci tutte le certificazioni del caso e il parere igienico sanitario. Ad oggi non abbiamo ricevuto nulla e l’immobile è ancora disabitato. Nel momento in cui verrà prodotta la documentazione in modo corretto non avremo la possibilità di fare nulla. Capiamo il subbuglio e l’apprensione di molti cittadini”.

 La redazione consiglia:

cronaca - Chieve
È indubbio che l’arrivo dei migranti nel Cremasco abbia messo a nudo alcune criticità del territorio. Da una parte il senso civico ed il dovere dell’accoglienza,...
politica - Chieve
Alla manifestazione in piazza Roma di martedì sera non sono mancati gli interventi di alcuni esponenti politici. “In questa occasione non ‘è maggioranza né minoranza...
cronaca - Chieve
“Ieri sera ho visto Chieve come non l’avevo mai vista”. Questi primi commenti apparsi su Facebook all'indomani della manifestazione che ha portato in piazza Roma circa 600...
cronaca - Chieve
Sale la preoccupazione a Chieve dopo l’arrivo di 36 migranti nella palazzina di piazza Don Lino Zambonelli. Ieri sera, dalle 21 alle 23, è stato necessario l'intervento del 118 con...
cronaca - Chieve
La presenza di 15 profughi in una palazzina di piazza Don Lino Zambonelli, a Chieve, e l'arrivo di ulteriori 19 ha colto di sorpresa la Giunta comunale e gli abitanti del paese. Sulla questione...
cronaca - Dal cremasco
Il convegno Impresa e accoglienza: un’opportunità? organizzato dall’Ucid in collaborazione con Mcl e Acli, ha messo in luce la rete di accoglienza dei richiedenti asilo...
cronaca - Capergnanica
Come annunciato dalla cooperativa Hope, “da alcune settimane sono ospitate in due appartamenti privati in comune di Capergnanica 19 richiedenti asilo. Si tratta di ragazze di età...
politica - Crema
“In Italia il problema dell’immigrazione non viene affrontato in modo organico. I provvedimenti vengono presi con decreti urgenti che non risolvono il problema e non tutelano i...