28-04-2017 ore 13:40 | Politica - Cremona
di Francesco Ferri

Primarie Pd, 28 seggi nel cremasco. Matteo Piloni: “rafforzare la democrazia del Paese”

“In Italia ci sono tre principali forze politiche. Due guidate da un capo che decide. Uno dietro la tastiera di un computer e l’altro dalla sua villa di Arcore. Noi, il Pd, chiediamo la partecipazione dei cittadini e degli elettori, con l’unico scopo di rafforzare la democrazia di questo Paese”. Così il segretario provinciale Matteo Piloni in vista delle primarie per l’elezione del segretario e dell’assemblea nazionale del Partito democratico. Si svolgeranno domenica 30 aprile in tutta Italia.

 

Candidati e seggi

Tre i candidati alla segreteria nazionale: Andrea Orlando, Michele Emiliano e Matteo Renzi. Come si legge nel comunicato (integrale in allegato), “in provincia di Cremona sarà possibile scegliere solo tra Orlando e Renzi. La candidatura di Emiliano non è stata ammessa per la mancanza del numero di firme necessarie per la presentazione della lista a suo sostegno. A Crema e nel territorio cremasco saranno allestiti 28 seggi: uno per quartiere in città e in tutti i principali comuni.  Alle Primarie possono votare tutti i cittadini maggiorenni. Posso votare i  cittadini stranieri con regolare permesso di soggiorno e i ragazzi di età compresa tra i 16 e i 18 anni che si sono iscritti consultando il sito www.primariepd2017.it . Gli iscritti al Pd sono automaticamente inseriti nell’albo degli elettori.  È prevista per loro la possibilità di rinnovare la tessera per l’anno 2017 direttamente presso i seggi”.

 La redazione consiglia:

politica - Cremona
“Per consentire la più ampia partecipazione abbiamo organizzato 82 seggi. 15 a Cremona e 6 a Crema. Un’occasione di democrazia e partecipazione che non ha eguali”. Questo il...
politica - Roma
La Convenzione nazionale del Pd, svolta a Roma ieri, ha concluso la prima fase del congresso e ha aperto il percorso per le primarie, in programma domenica 30 aprile. Per la federazione Pd di Cremona...
politica - Dall'italia
“Ho trovato nel coinvolgimento di Maurizio Martina a fianco di Matteo Renzi il segnale di unità e pluralità di cui il partito aveva e ha estremo bisogno”. Questo il commento...