28-02-2017 ore 19:03 | Politica - Dall'italia
di Francesco Ferri

Recupero seminterrati, legge critica. Alloni: “Condoni mascherati”. Nanni: “porcheria”

Il consiglio regionale lombardo ha approvato la legge per il recupero dei vani e locali seminterrati. Secondo la maggioranza di centro destra “facilita la ristrutturazione e consente di recuperare i seminterrati per un uso abitativo, commerciale o terziario in immobili esistenti da almeno 5 anni alla data di entrata in vigore della legge e laddove siano posti in edifici già serviti da tutte le urbanizzazioni primarie”. Prevista la deroga in base all’altezza, che non dovrà essere inferiore a 2,40 metri. Tranciante Agostino Alloni del Pd: “Ritornano i condoni mascherati”.

 

Il rischio di incostituzionalità

“Questa legge – prosegue - suona come un condono preventivo, permette non solo ai fabbricati esistenti ma anche a future costruzioni la possibilità di recuperare volumetrie e quindi la realizzazione di seminterrati abitabili. Un’assurdità visto che le nuove edificazioni dovrebbero immediatamente allinearsi alle regole esistenti”. Per il Pd questo provvedimento è a forte rischio di incostituzionalità: “Con tutta probabilità sarà oggetto di impugnativa da parte del Governo”.

 

Marginalità e degradazione
“Rendere abitabili i seminterrati è una porcheria. Ci finirà a vivere la povera gente e gli immigrati. È con la creazione di nuove marginalità e degradazione che la Lega Nord intende risolvere il problema sicurezza in Lombardia giusto per fare un favore ai palazzinari di Forza Italia che hanno voluto con forza questa legge”. Così Iolanda Nanni, capogruppo del M5S Lombardia, ai margini della protesta inscenata questa mattina dal M5S Lombardia a ridosso della seduta del Consiglio regionale. “Non è tollerabile - ha aggiunto Nanni - rendere abitabili le cantine, i garage e i laboratori con una legge che deroga all'altezza minima prevista dalla legge nazionale per gli alloggi e non tiene conto di esondazioni, del rischio sismico e delle esalazioni”.

 

Aiutate famiglie e imprese”

Secondo il consigliere regionale di Lombardia Popolare Carlo Malvezzi la legge è “in continuità con i principi alla base della norma sul recupero dei sottotetti”. Vengono aiutate “le famiglie e le imprese permettendo il recupero dei seminterrati, usati solo come locali accessori” e viene dato “un significativo impulso al settore edilizio e professionale”. Al termine dell’intervento ha presentato un ordine del giorno, approvato dal Consiglio, “con il quale si estendono le esenzioni del pagamento del contributo sul costo di costruzione, previsto nella legge per i seminterrati, anche ai sottotetti così da rendere meno onerosi gli interventi di recupero per le famiglie”.