24-03-2017 ore 16:25 | Politica - Romanengo
di Gianni Carrolli

Provincia. Zone protette, Bordo scrive al presidente Viola: “fermare le escavazioni”

“In mancanza della decretazione del Presidente della Repubblica per rendere efficace a tutti gli effetti il pronunciamento dei massimi magistrati amministrativi, attualmente proseguono le escavazioni in zona tutelata (imprudentemente autorizzate a suo tempo dalla Provincia di Cremona) che causano ulteriore e irreparabile danno ambientale e paesaggistico”. Così Franco Bordo, deputato di Articolo Uno, nella lettera inviata al presidente della provincia, Davide Viola.

 

Un passo importante

Ad inizio febbraio il Consiglio di Stato, accogliendo il ricorso di 4 associazioni ecologiste, ha “segnato un passo importante per la giurisprudenza di settore – scrive il deputato cremasco – confermando la preminenza dei valori paesaggistici su altre considerazioni nel caso di specie aleatorie, rimette ordine nella materia e dichiara illegittimi sia il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Variante Geositi che il Piano Cave della provincia di Cremona”.

 

In attesa di risposta

Tuttavia, l’iter non è ancora stato completato: “da interlocuzioni da me attivate con i competenti Uffici della Presidenza della Repubblica è emerso come la bozza di decreto decisorio non risulti ancora prevenuta dal Ministero di competenza. Al che, recentemente, mi sono rivolto presso il Ministero Infrastrutture e Trasporti per conoscere lo stato dell’iter procedurale inerente l’atto di cui in oggetto e comprendere la tempistica della sua conclusione; sono in attesa di risposta”.

 

Fermare il degrado

“Le scrivo, allora, presidente, in presenza di tale sentenza e nelle more dell’emanazione del decreto presidenziale, per invitarla a intervenire per fermare il degrado ambientale e paesaggistico in atto – conclude Bordo – e che si protrae in questo frattempo con la continua escavazione in zone protette e paesaggisticamente non riparabili, sospendendo le disposizioni previste nel Ptcp e nel Piano Cave”.

 La redazione consiglia:

cronaca - Città
Esultano Legambiente, WWF, FAI e Italia nostra: “il Consiglio di Stato, ha accolto il ricorso degli ecologisti, che nel 2013 avevano impugnato il Ptcp della Provincia di Cremona, reo di aver...
politica - Dal cremasco
“Le scelte della Provincia di Cremona, con i sostenitori del progetto della cava di argilla, ovvero i comuni di Soncino, Casaletto di sopra e Ticengo, distruggeranno per sempre il geotipo del...