18-07-2017 ore 13:42 | Politica - Cremona
di Gianni Carrolli

Cremona. Udc verso il congresso regionale. Trespidi: “pragmatismo e lungimiranza”

“La certezza di una forza politica centrista, che persegue obiettivi chiari, equilibrati, nei quali il cittadino riesce a cogliere un immediato riscontro di buon senso, di pragmatismo e di lungimiranza, è quanto di più ha bisogno la politica. L’Udc si candida a svolgere questo ruolo insieme a tutti coloro che si riconoscono in questo progetto”. È quanto afferma il segretario provinciale Giuseppe Trespidi (foto a lato) a breve distanza dalla riunione dei tesserati Udc in vista del congresso regionale.

 

La risorse e le discussioni

Tra gli argomenti che verranno discussi in sede congressuale non mancherà la situazione cremonese. “Non ci sono soldi e non si riescono a chiudere i bilanci è il leit motiv che viene ripetuto. Però – osserva Trespidi – senza progetti e strategie le risorse economiche non si trovano. Perciò anche da noi si sviluppa un pseudo dibattito politico dove le questioni centrali legate all’aumento della povertà, alla mancanza di lavoro, alla gestione ordinata e composta dell’immigrazione, alla necessità di semplificare la vita ai cittadini e alle imprese non vengono affrontate in modo deciso e lungimirante e, troppo spesso, diventano oggetto di sterili polemiche”.

 

L’occasione persa

Stesso discorso anche per quanto riguarda Crema: “le maggiori forze politiche che oggi rappresentano la destra e la sinistra non riescono a dare sicurezza e prospettive ad un elettorato che silenziosamente lo sta chiedendo. In particolare a quell’elettorato, deluso che non riesce ad individuare in queste compagini progetti politici realistici e persone preparate e capaci di dare la garanzia di una vera e sicura svolta al territorio. Crema ha perso una straordinaria occasione per cambiare perché il candidato sostenuto da noi e dal centro destra, oltre che dai movimenti civici, da uomo preparato e del fare aveva ed ha tutte le caratteristiche per dare una vera svolta alla città e al territorio”.

 

La fuga dalle paure

Dagli ultimi risultati elettorali – Crema inclusa – e dalla situazione attuale in provincia di Cremona, dove “le linee guida del partito si sono notevolmente appannate”, partirà l’analisi dell’Udc nella riunione provinciale del 18 luglio presso la biblioteca di Trigolo. “La perdita delle certezze di un tempo e della mancata individuazione di nuovi riferimenti provoca un disagio diffuso. Questo bisogno di novità è una fuga dalle paure, è una corsa ansiosa verso una uscita di sicurezza che non si sa dove sia – conclude Trespidi – e questa inquietudine, a seconda delle circostanze, prende la forma dello sconforto, della rabbia o dell’illusione che viene sistematicamente delusa”.

 La redazione consiglia:

politica - Crema
“Il primo aspetto da sottolineare è che abbiamo un sindaco di minoranza, che ha vinto con il 26%. Questo a causa del meccanismo perverso della legge elettorale e di un’affluenza...
politica - Crema
Parafrasando un noto adagio, la colpa è una bella donna che nessuno vuole. Dopo la sconfitta di Chicco Zucchi alle elezioni amministrative per il centrodestra è giunto il tempo delle...
cronaca - Crema
Una vittoria schiacciante, costruita di quartiere in quartiere. Questa la fotografia che si delinea a partire dai dati del ballottaggio delle elezioni amministrative di Crema. Un’istantanea che...
Oggi al cinema