08-09-2017 ore 20:55 | Politica - Milano
di Andrea Galvani

Camera Commercio, Regione Lombardia verso il ricorso. Autonomia da tutelare

Il tema è la sede di Crema della Camera di commercio di Cremona. Secondo il consigliere regionale Federico Lena “a metterla a rischio è il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico dell’8 di agosto che, imponendo l’accorpamento delle Camere di Commercio di Pavia con Cremona e Mantova, mette in seria discussione l’accordo intercorso tra le Camere di Commercio di Cremona e Mantova, che prevedeva, di fatto, il mantenimento della sede staccata a Crema”.

 

L’interrogazione

Durante il consiglio regionale odierno l’assessore al Commercio Mauro Parolini, ha risposto ad un’interrogazione sulla questione formulata dalla Lega Nord, dichiarando che Regione Lombardia valuterà la possibilità di fare ricorso contro il decreto. Per Lena “un decreto che danneggerebbe di fatto anche gli interessi delle imprese dell'intera provincia di Cremona, territorio cremasco compreso”.

 

Autonomia cremasca

Secondo il consigliere leghista “l’autonomia della sede di Crema deve essere mantenuta per tutelare gli interessi delle imprese del nostro territorio. Auspico che Regione Lombardia attivi il ricorso nella duplice speranza che venga garantita l'autonomia della Camera di Commercio di Pavia e che vengano rispettati i precedenti accordi tra le Camere di Cremona e Mantova”.

 La redazione consiglia:

economia - Associazioni
Come recita un famoso adagio, la domanda nasce spontanea: la sede della Camera di commercio resterà a Crema? Le interpretazioni sono differenti e variano a seconda del punto in cui viene...