07-04-2017 ore 20:28 | Politica - Crema
di Francesco Ferri

Riforma scolastica, dal Governo via libera ai decreti attuativi. Cgil: “sarà mobilitazione”

“Riaprire una vera discussione pubblica sulla missione della scuola e sulle sue vere priorità. Nutriamo la speranza di una scuola migliore da offrire alle generazioni future, in grado di combattere e non alimentare le differenze di classe, che sempre più si allargano nel nostro paese. Facciamo in modo che il 2017 sia quello del riscatto per la scuola italiana e per tutto il mondo dell’istruzione e della ricerca pubblica”. Questo, in estrema sintesi, il commento – integrale in allegato – della Flc Cgil Cremona in seguito all’approvazione odierna da parte del Governo delle deleghe della legge 107/15 sulla riforma dell’istruzione. Il mondo scolastico è in subbuglio e anticipa che “in assenza di risposte sarà mobilitazione”.

 

Scelte sbagliate

Nel comunicato si legge che “a nulla sono valsi gli appelli giunti dalle forze sociali e da chi opera quotidianamente nelle scuole”. Era stato chiesto di “individuare obiettivi condivisi - stabilizzazione dei precari in tutti gli ordini di scuola, potenziamento dell’organico, generalizzazione della scuola dell’infanzia - su cui focalizzare l’attenzione nell’immediato, rimandando a provvedimenti successivi gli altri aspetti che richiedono approfondimenti e partecipazione di tutte le componenti scolastiche. Giudichiamo sbagliata la scelta di procedere con tutte le deleghe da parte del ministro Fedeli. Riteniamo oggi un errore grave che il Governo le abbia approvate”.