06-10-2017 ore 14:56 | Politica - Crema
di Gianni Carrolli

Crema. Risse, accattonaggio, moschea: per Fratelli d’Italia c’è un “problema sicurezza”

Risse, un capannone usato come luogo di culto, accattonaggio molesto: questi gli elementi che secondo il coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia, Giovanni De Grazia, compongono il “problema sicurezza” della città di Crema. “Chiediamo all’amministrazione dei segnali precisi – afferma il segretario – per poter cercare di risolvere e dare risposte precise a questi problemi. Non vorremmo che Crema passasse da città della bellezza a città dell’insicurezza”.

 

Dai problemi alle azioni

“Atti di vandalismo e risse sono sempre più presenti durante i fine settimana. Ad Ombriano – osserva De Grazia – sembra che venga utilizzato un capannone come moschea, contro tutti i regolamenti comunali con grosse e legittime preoccupazione dei residenti. Infine, l’accattonaggio molesto: è aumentato e prende di mira sopratutto persone anziane, le più vulnerabili, dando sempre più una sensazione di insicurezza. Tutte le forze politiche, maggioranza e minoranza, devono dare delle risposte ai cittadini con azioni concrete sul territorio”.