05-06-2017 ore 11:13 | Politica - Dal cremasco
di Francesco Ferri

Riqualificazione Paullese. Alloni e Viola: “nessun ritardo o mancanza di richieste”

Torna a tenere banco il tema dei finanziamenti per la riqualificazione della Paullese. Dopo la conferenza stampa del consigliere regionale Carlo Malvezzi e del candidato sindaco Enrico Zucchi (qui il dettaglio) non è tardata la risposta del consigliere regionale del Pd Agostino Alloni e del presidente della provincia Davide Viola: “la rete stradale lombarda è oggetto di una importante opera di ridefinizione. Le risorse necessarie per il completamento del tratto di interesse della Paullese, relative al ponte sull'Adda – ha dichiarato Viola – sono disponibili nelle economie dei precedenti lotti, come definito al tavolo della Paullese convocato dall'assessorato lombardo alle infrastrutture. Non vi è stata quindi nessuna dimenticanza e tanto meno ritardo nella definizione delle richieste”.

 

Interesse regionale
“Presi dalla foga di salvare il soldato Zucchi nella corsa alla carica di sindaco di Crema – ha proseguito Alloni – il duo composto da Salini e Malvezzi fa a gara a chi le spara più grosse. Il tema è sempre quello delle infrastrutture di interesse regionale. Prima la stazione ferroviaria di Crema e poi quello dei lavori della Paullese. Guarda caso due infrastrutture di competenza di regione Lombardia. Per entrambe le opere Maroni non ha voluto dirottare le risorse necessarie per completare i lavori della ex Paullese che, oltre al ponte, ha bisogno di altri 15 milioni di euro per il tratto lodigiano che va dall'Adda a Zelo Buon Persico. È ridicolo che le risorse definite con il governo Renzi nel Patto per la Lombardia vengano sbriciolate in 12 tranche provinciali. Ci voleva coraggio e capacità nell'indicare le priorità, cosa che a Maroni e ai suoi sodali, e tra questi per primo Malvezzi, evidentemente è mancato”.

 

Paullese e tangenziale ex Olivetti

“Maroni – spiega Alloni - ha fatto il gioco delle tre carte, facendo apparire e sparire le risorse a seconda degli interlocutori e del tavolo al quale era di volta in volta seduto.
Durante gli incontri con Renzi risultava una postazione di 16 milioni di euro destinata al completamento della ex Paullese. Risorse che gli amici di Zucchi, con la complicità di Malvezzi, hanno fatto sparire. Il presidente della Provincia Davide Viola ha già chiarito che le risorse per completare il ponte sull'Adda ci sono tutte; mancano quelle per il tratto tra Spino e Zelo. Per questo motivo, visto che i soldi nel Patto sono stati fatti sparire da Maroni, i sindaci Poli e Lorenzini, entrambi del Pd, hanno già chiesto all'assessore Sorte la disponibilità ad incontrarsi per il reperimento delle risorse mancanti. Zucchi confonde la Paullese con la tangenziale per collegare la zona ex Olivetti. Entrambe necessarie e chiesta, quest'ultima, dal presidente cremasco di Forza Italia e dagli imprenditori cremonesi. Anche per questo motivo è bene che rimanga solo un semplice candidato. Per il bene dei cremaschi”.

 La redazione consiglia:

politica - Crema
“Riteniamo che il sindaco di Crema e il Partito democratico di Piloni abbiano tradito il territorio cremasco”. Il consigliere regionale Carlo Malvezzi non usa mezzi termini...
politica - Dal cremasco
La distribuzione delle risorse destinate dal Patto per la Lombardia alle infrastrutture e alle strade regionali più importanti e tra queste alla Paullese, stanno per essere frazionate in...
cronaca - Spino d'Adda
I sindaci di Spino d’Adda, Paullo e Zelo Buon Persico si dicono “molto allarmati” dal fatto che la regione non abbia previsto nel Patto per la Lombardia 2020 “un intervento...