19-01-2017 ore 13:05 | Economia - Aziende
di Gianni Carrolli

Agenzia delle Entrate. Fabbricati rurali, sollecito alla regolarizzazione. Sul sito l’elenco dei non iscritti al Catasto terreni

È stato pubblicato lunedì 16 gennaio sul sito dell’Agenzia delle Entrate l’elenco dei fabbricati rurali che ancora risultano iscritti al Catasto terreni. Con la legge 241/2011 è stato introdotto l’obbligo per i proprietari di fabbricati rurali di dichiararli al Catasto fabbricati. Il termine era previsto per il 30 novembre 2012, ma chiunque si trovasse nella condizione di dover adempiere all’obbligo potrà comunque aggiornare la propria situazione usufruendo dell’istituto del ravvedimento operoso.

 

Dichiarazioni e procedure

Fra gli altri, devono essere dichiarati al Catasto dei fabbricati le costruzioni ancora censite al Catasto dei Terreni con le seguenti destinazioni: fabbricato promiscuo; fabbricato rurale; fabbricato rurale diviso in subalterni; porzione da accertare di fabbricato rurale; porzione di fabbricato rurale; porzione rurale di fabbricato promiscuo. In caso di omessa dichiarazione, gli Uffici provinciali dell’ente di riscossione avviano l’accertamento: la verifica dello stato di inadempienza del soggetto porta alla regolarizzazione catastale dell’immobile con oneri a carico del soggetto stesso, applicando le sanzioni previste dalla legge.