17-03-2017 ore 11:31 | Economia - Mercati
di Francesco Ferri

Silva arredamenti, a Pandino da oltre cento anni punto di riferimento per la casa

“Una casa bella nei momenti felici, allegra se c’è gente e preziosa compagna per stare con gli altri. Le abitazioni devono raccontare chi le vive – single, coppie, famiglie o gruppi – e allo stesso tempo essere aperte e accoglienti”. Così Gianni Silva riassume la filosofia che anima il lavoro ultracentenario della Silva arredamenti. La lunga e ininterrotta attività è stata riconosciuta dalla Camera di Commercio di Cremona (nell’immagine l’attestato) ed ora regione Lombardia l’ha individuata come luogo storico del commercio. 

 

Materassi del conte Aimo

Il nome Silva appare già nel 1910 quando “nonno Giovanni eseguiva interventi di artigianato e realizzava materassi, strutture a molle per letti e tappezzerie. Il conte Aimo di Gradella, suo cliente, lo chiamava bisina, per indicare la velocità nei movimenti. L’attività – prosegue il titolare – si è trasformata con l’ingresso in azienda del papà Gino.

Ha appreso l’arte della lavorazione del legno alla scuola della Brianza e ha gestito la falegnameria nella quale lavoravano una decina di persone. Attualmente alle proposte e ai complementi d’arredo con standard qualitativo elevato abbiamo affiancato oggetti d’arte, quadri antichi e pezzi etnici ricercati e unici”.

 

Dal progetto all’arredo

“La concorrenza è spietata. Le nostre offerte e promozioni non servono per fare cassa ma per rinnovare l’esposizione e offrire un prodotto sempre più consono alle richieste del mercato. Con l’impresa costruttrice Domus di Agnadello è stata instaurata una collaborazione per offrire ai clienti un pacchetto completo, dalla progettazione della casa fino all’arredo, con prezzi concorrenziali e finiture personalizzabili”. Per avere sempre idee giovani, il titolare è affiancato dalla sorella Maria Grazia – progettista d’interni – e dal figlio Andrea – architetto. 

 

Sede storica e nuovi spazi

All’esposizione storica in via Umberto I, nel centro di Pandino, negli anni si è aggiunta la sede in via Circonvallazione e lo showroom in via Bertolino, nella zona industriale, "una collocazione che in parte ci soffoca per il contesto poco curato nel quale siamo inseriti. Gli spostamenti si sono resi necessari per essere comodamente raggiunti dai mezzi di trasporto che consegnano la merce”. 

 La redazione consiglia:

economia - Mercati
Costruito nel 1924 come circolo ricreativo Everest. Negli anni ha subito diverse trasformazioni. Oggi l'immobile ospita la trattoria Ferriera. L’attività di via Gaeta, punto di...
economia - Mercati
Il clima familiare e la cordiale accoglienza dei clienti sono i tratti caratteristici che connotano l’antica trattoria del Santuario, conosciuta anche come bar Carlo. È presente dal 1945...
economia - Mercati
Nel 1855 in contrada Ombriano 59 – l’attuale via XX Settembre – esisteva la “Farmacia e drogheria con fabbrica di cera di Federico Chiappa, successo alla ditta Anna e sorelle...
economia - Mercati
“Nel 1940, dopo un lungo periodo di apprendistato nei laboratori milanesi, Maria Ghisoni decide di aprire in via XX Settembre un negozio di pellicceria”. Da qui ha inizio la storia di...
economia - Mercati
Regione Lombardia ha recentemente riconosciuto ventotto ‘nuove’ attività storiche. Otto si trovano nel territorio cremasco e in particolare nella città di Crema. Abbiamo...
economia - Mercati
Non solo a Crema il gelato è subito associato al nome di Bandirali. “La produzione artigianale – riferisce il titolare Mauro Bandirali – è iniziata nel 1950. Mia nonna...