14-03-2017 ore 19:03 | Economia - Associazioni
di Ramona Tagliani

Autotrasporto, sabato 18 marzo sciopero. I sindacati: “possibile il fermo ad oltranza”

“Contro le mancate risposte del governo” sabato 18 marzo l’autotrasporto si mobiliterà in tutte le principali città d’Italia. In Lombardia sono previsti cortei di camion a Milano, Bergamo, Brescia e Lecco. “Lo scopo è quello di ottenere la determinazione dei costi indicativi di esercizio, tenendo conto dei diversi settori del trasporto e di tutti i fattori che li determinano. L’assunzione di iniziative volte a garantire l’effettiva trasparenza e regolarità del mercato nazionale e internazionale dei trasporti attraverso il rilancio e la messa a regime del portale della regolarità dell’autotrasporto, gestito dall’albo nazionale e attuare azioni di contrasto efficaci e coordinate con quelle di altri Paesi Europei contro la concorrenza sleale ed illegale e contro qualsiasi forma di abusivismo”.

 

Fermo ad oltranza

“Sono passati oltre tre mesi dall’ultima volta in cui Unatras si è rivolta al Ministro delle Infrastrutture e, per suo tramite al governo” spiegano Francesco Ferruggia e Adriano Bruneri, presidente provinciale e segretario regionale Cna Fita denunciando “il malessere della categoria e l’insoddisfazione per la mancanza di risposte su questioni decisive per la sopravvivenza del sistema delle imprese di autotrasporto nazionale. Non è escluso che si arrivi a proclamare anche il fermo ad oltranza”.