11-09-2017 ore 17:24 | Economia - Aziende
di Gianni Carrolli

Crema. Oli esausti, raccolti 5 quintali in 5 mesi. I promotori aprono a nuove adesioni

Il primo bilancio della raccolta di oli esausti al centro commerciale Gran Rondò parla chiaro: l’iniziativa promossa da amministrazione comunale, Linea Gestioni e Coop Lombardia sta dando buoni frutti. Ha consentito di raccogliere 530 chilogrammi di grassi in poco più di 5 mesi, ossia un quintale di oli esausti (utilizzati per la cottura e la conservazione degli alimenti) al mese; gli introiti di una parte del materiale riutilizzato – il 15% circa – verrà destinato al progetto promosso dalla cooperativa di Libera Terra, che permetterà la piantumazione di nuovi ulivi nei territori confiscati alle mafie.

 

Responsabilità condivisa

Contribuire al corretto smaltimento è semplice: basta raccogliere gli oli in una bottiglietta di plastica e conferirla ai contenitori installati all’ingresso del centro commerciale. Disperdere gli oli può provocare gravi danni all’ambiente, inquinando acque superficiali e potabili. Per l’assessore Matteo Piloni “introdurre buone pratiche di raccolta e riciclo è il primo passo per garantire la cura dell’ambiente e la sostenibilità sul lungo termine. Siamo soddisfatti del risultato, che denota la buona risposta da parte della cittadinanza, sempre più sensibile al tema della corretta raccolta e differenziazione dei rifiuti. L’auspicio è che altri soggetti privati aderiscano a questa iniziativa in modo da offrire nuovi punti di raccolta in città e divulgare una pratica buona per l’ambiente e per la comunità”.

 La redazione consiglia:

cronaca - Crema
“Una maggiore attenzione all’ambiente e al sociale”. Così l’assessore Matteo Piloni ha definito il nuovo servizio di raccolta dell’olio esausto. Da martedì...