08-08-2017 ore 10:47 | Economia - Aziende
di Francesco Ferri

Cremona, Lgh. I risultati della partnership con A2A e le previsioni dei “nuovi settori”

“Il bilancio è senz’altro positivo, l’azienda grazie alla nuova compagine societaria ha avviato un processo di riorganizzazione indirizzato all’efficienza e all’incremento della qualità dei propri servizi tradizionali, aprendo al nuovo, alle soluzioni digitali e alla semplificazione”. Questo quanto sottolineato dall’amministratore delegato di Linea group holding, Lgh Massimiliano Masi e dal presidente Antonio Vivenzi in occasione del primo anno di partnership con A2A.  

 

Qualità e nuove idee

“La partnership con A2A sta consentendo di sviluppare sinergie sui costi a beneficio dei risultati aziendali e per la qualità dei servizi, nonché di far ruotare personale da e verso A2A in modo da fertilizzare competenze e sviluppare più rapidamente nuove idee di business. Nel corso dei roadshow sui territori è stata proposta e condivisa la nuova mission dell’azienda: contribuire alla crescita socio economica dei territori in cui Lgh opera, nel rispetto del raggiungimento degli obiettivi economico finanziari del piano industriale. Sono state perfezionate varie operazioni societarie per riprendere il pieno controllo di alcuni asset strategici del gruppo Lgh e avviati programmi di efficienza indirizzati al raggiungimento di livelli di servizio e di costo delle migliori aziende del settore”.

 

Riorganizzazione del gruppo

“Il comitato territorio, voluto da tutti i soci, ha iniziato ad operare, sviluppando e selezionando iniziative che saranno oggetto di condivisione e diffusione nei confronti delle comunità locali entro la fine del 2017 anche grazie all’innovativo progetto del web reporting. Lgh ha dato un decisivo impulso alla concretizzazione del polo per l’innovazione digitale di Cremona che intende contribuire a sviluppare e specializzare a favore dello sviluppo tecnologico di tutti i territori del sud Lombardia. In questi giorni il consiglio di amministrazione di Lgh ha iniziato a discutere una riorganizzazione del gruppo che porterà Lgh entro la metà del 2018 a giocare un ruolo da protagonista nelle Utilities italiane, con un piano industriale orientato non solo alla piena valorizzazione dei servizi tradizionali ma anche a disegnare scenari d’azione in settori innovativi come l’economia circolare, l’energia green, lo sviluppo delle nuove tecnologie smart anche a servizio della qualità della relazione con la clientela”.

 La redazione consiglia:

economia - Crema
“Siamo ad un passo dalla fusione, ad un passo dal punto di non ritorno. Tutto questo, senza che ancora ci sia stato un vero dibattito politico, né a livello di assemblea di Scrp...
politica - Roma
L’obiettivo di chi sostiene la fusione tra Gruppo Lgh e A2A è “accrescere le potenzialità di una società che pur essendo destinata all’offerta di servizi...
politica - Crema
Il messaggio passa forte e chiaro: “no alla fusione tra le multiutility Lgh e A2A. Ad alcuni sindaci serve solo per avere una mancia da spendere nel breve periodo, tralasciando ogni prospettiva...
politica - Crema
Anche l’Anac dice la sua sull’acquisizione di Lgh da part di A2A, stabilendo che “serviva una gara pubblica per la fusione tra le due società”. Un punto attorno al...
politica - Crema
Il M5S ha presentato un esposto all'autorità garante della concorrenza e del mercato (Agmc) ed inviato una segnalazione all'Anac, l'autorità nazionale anticorruzione...
politica - Crema
Secondo la Giunta comunale di Crema l'offerta di acquisto da parte di A2A di una partecipazione pari al 51% di LGH è “una base accettabile per proseguire le trattative e completare...