28-05-2017 ore 12:02 | Cultura - Arte
di Andrea Baruffi

Crema, Lunetta dei canonici. Al via l'opera di restauro sostenuta dal Lions club Gerundo

Torna a risplendere la lunetta raffigurante l’educazione della Vergine presente nella sacrestia dei canonici della Cattedrale di Crema. L’intervento di restauro, sostenuto dal Lions club Crema Gerundo, è stato presentato nei giorni scorsi.

 

L’intervento

Come spiegato da Renata Casarin della Soprintendenza per i beni culturali, “si tratta di una tela complessa e particolare, composta da più vele. È attribuita a Bernardino Lanzani, pittore lombardo nato a San Colombano al Lambro ed educato alla scuola del Bergognone. L’opera è stata più volte ridipinta e presenta una patina bruna. Il primo intervento di pulitura, su piccoli particolari, è stato effettuato utilizzando saliva artificiale ed ha dato buoni risultati”. Il restauratore Paolo Mariani, affiancato da Rosalba Rapuzzi, ha dichiarato che “il lavoro viene svolto con rigore scientifico e, viste le numerose criticità, non è possibile stabilire le tempistiche d’intervento”.

 

La storia

“Nell’anno in cui il Lions festeggia il centesimo anniversario di fondazione – ha sottolineato la presidente del club cremasco Ombretta Cè – abbiamo voluto regale questo service alla città. Durante le fasi di restauro pensiamo di coinvolgere i cittadini e le scuole del territorio”. Gli aspetti storici sono stati approfonditi dal presidente della Società storica cremasca Matteo Facchi. “La tela era esposta nella sacrestia del Consorzio della Madonna della Misericordia e sul retro presenta un dipinto monocromo raffigurante san Sebastiano. Si presume possa essere stata realizzata tra il 1520 e il 1530. La prima testimonianza effettiva della sua esistenza risale al 1914, anche se nella visita pastorale del 1638 viene descritta la presenza di un ciclo raffigurante temi mariani e la vita della Vergine”.