21-03-2018 ore 18:39 | Cultura - Mostre
di Lidia Gallanti

Crema. Cinque abiti per la 'divina' Callas, dall'accademia della Scala al san Domenico

Cinque costumi di scena per raccontare la sfolgorante carriera della divina Callas, soprano di fama internazionale e icona di un’epoca. Sempre libera. Maria Callas alla Scala è una mostra ideata dall'istituto di Cultura di Parigi in collaborazione con l'accademia Teatro alla Scala di Milano. Dopo la ville lumière e una tappa a palazzo della Ragione a Bergamo, la mostra approda alla fondazione san Domenico di Crema, partner dell’associazione milanese.


Abiti e foto d'archivio
Dall'abito color notte di Violetta Valery al vestito barocco della regina Elisabetta di Spagna, passando per Anna Bolena, Ifigenia e la Sonnambula di Gioacchino Rossini. “Abbiamo scelto modelli caratteristici" spiega la curatrice Maria Chiara Donato, docente del corso di sartoria teatrale dell’accademia alla Scala. "Gli allievi hanno studiato nei dettagli i costumi originali conservati alla Scala, per riprodurli fedelmente”. Materiali, cuciture, inserti preziosi, ogni esemplare è curato nel minimo dettaglio. A corredo dei busti storici saranno esposte una trentina d’immagini d’archivio per raccontare la carriera e lo spirito della cantante.


Artigiani nel mondo

La mostra sarà inaugurata giovedì 5 aprile alle ore 18 in sala Bottesini. Rimarrà visitabile fino a domenica 6 maggio, da martedì al sabato dalle 16 alle 19, domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19. Le guide d’eccezione saranno le studentesse del corso moda dell’istituto Marazzi di Crema, a disposizione dei visitatori.“Questa iniziativa - conclude il presidente del san Domenico Giuseppe Strada - rappresenta un’occasione preziosa per proseguire nel percorso di crescita e di collaborazione con una prestigiosa realtà culturale depositaria di storia e saperi, testimonial della cultura italiana nel mondo”.

 La redazione consiglia:

cultura - Teatro
Grandi progetti ribollono nel calderone della fondazione San Domenico. La nuova stagione teatrale si apre con due grandi novità: la prima è la conferma del bis di Work in progress, lo...