20-01-2017 ore 20:07 | Cultura - Proiezioni
di Angelo Tagliani

Crema, il tempo e il desiderio alla ribalta internazionale. Il film di Luca Guadagnino debutta al Sundance film festival

Scorci di Crema e del Cremasco sono pronti al debutto internazionale, in uno dei consessi cinematografici indipendenti di maggior pregio. Il film di Luca Guadagnino, Call Me By Your Name, è presentato come una meditazione proustiana sul tempo e sul desiderio. Domenica parteciperà all’edizione numero 33 del Sundance Film Festival, fondato da Robert Redford nel 1985 a Park city, sobborgo di Salt Lake City.


Rovente passione

Il film, tratto dall’omonimo romanzo di André Aciman, è sceneggiato da Guadagnino, Walter Fasano e James Ivory. Nella città e nella campagna cremasca sono state girate molte delle scene che raccontano l’attrazione travolgente che, in un’afosa estate di metà degli anni Ottanta, sboccia improvvisa fra due ragazzi: il diciassettenne Elio, figlio di un professore universitario, in vacanza con la famiglia nella loro villa sulla Riviera del Ponente ligure e un giovane newyorchese, Oliver, al lavoro sulla tesi di postdottorato.

 

In concorso a Berlino

Interessi affini, lunghe passeggiate e nuotate faranno nascere in loro una bruciante passione. Vent’anni dopo, il più giovane dei protagonisti rievoca quella fatale stagione. La distribuzione in Italia è prevista nei prossimi mesi. Il 9 ed il 19 di febbraio parteciperà al festival del cinema di Berlino.

 La redazione consiglia:

cronaca - Crema
Lasciate Moscazzano e Pandino, per poi interessare il quartiere di san Bernardino ed in particolare il circolo Arci, le riprese del nuovo film di Luca Guadagnino sono finalmente arrivate nel centro...
cultura - Proiezioni
Pandino negli anni '80 aveva le insegne della Algida con il Mottarello a 600 lire e i manifesti elettorali dei Radicali. Pandino negli anni '80 aveva il torpedone di Autoguidovie che si...