17-08-2017 ore 12:54 | Cultura - Tradizioni
di Andrea Baruffi

Crema. In 500 alla Risottata del Duomo. Don Emilio: "la gioia dell'incontro e del dialogo"

Una serata all’insegna dell’incontro, del dialogo e della gratuità. Così possiamo definire la Risottata promossa a Crema dalla parrocchia della Cattedrale. Oltre 500 persone ieri sera hanno gremito l’area verde dell’oratorio di via Donati. I commensali, accomodati ai tavoli predisposti dal parroco della Cattedrale don Emilio Lingiardi, sono stati accolti dai delicati e invitanti profumi dei risotti. Cinque le varianti servite, tutte pienamente apprezzate: barolo e salsiccia; speck, gorgonzola, radicchio e noci; zafferano e provola; funghi porcini; gamberetti e zucchine.

 

Condivisione e incontro

Come sottolineato da don Emilio, “sono stati cucinati 60 chili di riso generosamente offerti da un amico di Sergnano. Senza alcun sottofondo musicale le persone hanno apprezzato la la gioia della condivisione e la bellezza dello stare in compagnia con semplicità e naturalezza”. All’opera ai fornelli cinque chef collaudati: Rudy Badalotti, Katy Patrini, Francesco Dossena, Antonio Gargiulo e Costantino. Una ventina i volontari, tutti giovani e attivi, che hanno servito le porzioni ai tavoli e preparato il ricco menù. In abbinamento al piatto tipico della cucina italiana sono stati serviti invitanti panini con salame nostrano, freschi bocconcini di melone, dolci prugne, albicocche e brioche. “Abbiamo iniziato a cucinare a mezzogiorno. Gli sforzi sono ampiamente ripagati dai complimenti e dagli apprezzamenti delle persone. Siamo felici di aver contribuito a rallegrare in modo semplice la serata di tanti cremaschi” hanno commentato i cuochi.