06-05-2018 ore 11:39 | Cultura - Arte
di Lidia Gallanti

Wasabi, le radici e i colori del vento. Al san Domenico le opere di Margherita Martinelli

Margherita Martinelli dipinge con l'acqua, con la luce e con il vento. Questi gli ingredienti di Wasabi, l'ultima personale dell'artista cremasca, ospite della fondazione san Domenico fino a domenica 20 maggio. L'ingresso è libero, come la possibilità di ammirare le opere e confrontarsi con l'artista per condividere pareri e suggestioni.


'Per dipingere basta una parola'

Per Margherita il processo creativo germoglia da un taccuino su cui appunta i pensieri. "I concetti preesistono all'opera, sono fonte d'ispirazione. Diventano il titolo dei dipinti, la chiave di lettura". Per iniziare a dipingere bastano poche parole, quelle essenziali. Margherita le appunta sulla tela, tra le volute di colore. All'osservatore il compito di coglierle. Dall'incontro tra pittura e scrittura nasce la collaborazione con Alssando Bartezzaghi, autore per la settimana enigmistica, che con la critica d'arte SIlvia Merico ha partecipato alla realizzazione del catalogo.

 

Il vento scompiglia i colori
Le ultime opere si distaccano dalle collezioni precedenti. Wasabi "abbandona il simbolo, spazzato via dal vento, che scompiglia i colori e li rende mobili, liquidi". Li posa sulla tela con pennellate ampie e leggere. All'olio si mescola la gomma lacca e la foglia d'oro, "luce pura, per rendere cangante la superficie". Sulla tela compaiono fiori raccolti nelle campagne cremasche, fissati dal colore come decorazioni polimateriche. Testimoninaza delle sue radici, trasformate in arte.

 La redazione consiglia:

cultura - Arte
Il Wasabi è una radice giapponese, nota per il sapore deciso e la cura riservata alle sue radici. È il nome scelto da Margherita Martinelli per la mostra che da sabato 5 a domenica 20...