28-06-2017 ore 10:32 | Cronaca - Montodine
di Andrea Baruffi

Montodine. La pace cammina sul Serio, sabato la prima tappa con la festa dei popoli

Partirà sabato 1 luglio dalla foce del Serio la seconda edizione dell’iniziativa La pace sul Serio. Dieci giorni di camminate lungo il fiume accompagnati da racconti e musica. Il percorso si snoderà da Montodine a Valbondione passando per Sergnano, Ricengo, la Colonia Seriana di Crema, Romano di Lombardia, Mozzanica, Villa di Serio, Gandellino, Valbondione e terminerà domenica 30 luglio al rifugio Curò con il pranzo in alta quota (il programma integrale in allegato). Per l’occasione sarà realizzata la mostra itinerante sulla pace realizzata dai ragazzi del grest di Montodine. “L’iniziativa – hanno sottolineato i sindaci di Montodine e Valbondione, rispettivamente Alessandro Pandini e Sonia Simoncelli – unisce realtà ed enti all’insegna della pace, della solidarietà, dell’uguaglianza e dell’aiuto verso persone meno fortunate che attraversano situazioni di difficoltà”.

 

Parole di pace lungo il fiume

Ricco il programma della prima giornata, sabato 1 luglio. La partenza è prevista alle 18 da Bocca Serio e l’arrivo alle 19 all’oratorio di Montodine  per il momento clou della nona edizione della Festa dei popoli. Alle 20.30 in piazza XXV Aprile sarà presente il presidente degli Enti locali per la pace Andrea Ferrari che aprirà ufficialmente l’iniziativa. Seguirà il concerto de  I luf. “Lo spirito del cammino – ha ricordato il presidente dei Marciatori della  pace di Vaiano, Soncino e Romanengo Agostino Manenti – è portare parole di pace lungo il fiume in un momento in cui migliaia di persone nel mondo attraversano situazioni difficili”.  

 

Festa dei popoli

In concomitanza con l’avvio dell’iniziativa podistica l’ufficio Migrantes della diocesi di Crema ha organizzato la Festa dei popoli. Cuore dell’evento sarà l’oratorio di Montodine. Alle 16.30 è prevista l’accoglienza. Seguirà un momento di preghiera inter religiosa alla presenza del vescovo di Crema monsignor Daniele Gianotti e laboratori creativi e musicali. All’arrivo dei marciatori avrà inizio la cena conviviale con cibi dal mondo. Come sottolineato dal  direttore dell’ufficio Migrantes Enrico Fantoni, “l’evento vuole permettere a tutti i popoli di incontrarsi e sottolineare come tutte le culture sono al servizio della pace”.    

 La redazione consiglia:

cronaca - Crema
“Riteniamo che solo in sinergia tra i comuni del territorio possiamo sensibilizzare e coinvolgere sempre più persone rispetto al tema della pace. Attraverso la marcia e con tutte le...