28-04-2017 ore 16:13 | Cronaca - Dalla provincia
di Gianni Carrolli

Polizia. Riordino ruoli e carriere, il sindacato chiede ai parlamentari più condivisione

“Un sindacato serio e importante come il nostro accetta la sfida di una riforma del sistema sicurezza e di un riordino delle carriere atteso da 20 anni, ma vogliamo farlo in maniera partecipata, dando un contributo concreto di proposta e non solo di protesta”. Queste le parole con cui Guido Ettari, segretario provinciale del sindacato di polizia Silp Cgil, invita i parlamentari del territorio – Luciano Pizzetti, Cinzia Fontana, Danilo Toninelli – a maggiore condivisione al riordino dei ruoli e delle funzioni delle forze di polizia.

 

Migliorare il decreto

Anche in provincia i problemi legati alla sicurezza non mancano: “abbiamo organici carenti, mezzi inadeguati e strutture spesso non all’altezza”, spiega Ettari. Qualche risultato è arrivato: “abbiamo ottenuto dal governo lo stanziamento di circa un miliardo di euro in 2 anni per il riordino dei ruoli e delle funzioni dei corpi di polizia. Al vaglio della Camera e del Senato c’è in questi giorni lo schema di decreto legislativo che noi crediamo si possa e si debba migliorare nel segno di una maggiore equità, superando soprattutto i disallineamenti presenti tra i vari corpi dello Stato e cercando di rendere maggiormente efficiente il sistema, a vantaggio in primis dei cittadini”.

 

Riordino equo e giusto

“Il Consiglio di Stato – aggiunge il segretario – ha espresso nei giorni scorsi un parere sostanzialmente favorevole al provvedimento, evidenziando però alcune criticità. Noi crediamo che le proposte di modifica che abbiamo consegnato ai parlamentari, con una campagna di mobilitazione che ci vede da tempo protagonisti in tutta Italia, siano concrete e praticabili. Soprattutto costruttive. La battaglia per una maggiore sicurezza dei cittadini passa necessariamente da un riordino dei ruoli e delle funzioni delle forze di polizia equo e giusto”.